Mamma 43enne ricoverata per un malore, muore dopo un giorno senza un perché

Domenica 11 Agosto 2019
Stefania Orsi. Mamma 43enne ricoverata per un malore, muore dopo un giorno senza un perché
1
ABANO (PADOVA) - Dolore e sconcerto, ad Abano e Montegrotto, per la prematura scomparsa di Stefania Orsi, 43 anni, dipendente dell'hotel Mioni Royal San della Città di Bertha, che si è spenta nella tarda mattinata di venerdì all'ospedale di Padova. Una morte ancora senza un perché. Vi era stata ricoverata il giorno prima, dopo avere accusato un improvviso malore. E' spirata poco prima di mezzogiorno. Ignote, al momento, le cause del decesso che ha lasciato sgomenti il compagno Fabio Pugliese e la figlia della coppia di appena otto anni e i genitori Piergiuseppe e Ornella.  «Siamo sconvolti mormora al telefono il padre -. Non sappiano cosa l'abbia uccisa. Attendiamo gli esiti dell'autopsia». A stroncare in poche ore la 43enne sarebbe stato un aneurisma che ha portato a un collasso cardiocircolatorio. Ma spetterà nei prossimi giorni al medico legale fare completa chiarezza. In  una frenetica corsa contro il tempo, Stefania Orsi era stata sottoposta anche a due interventi d'urgenza che purtroppo non sono serviti a salvarle la vita. «Sono andato a porgere le mie condoglianze e ho trovato la famiglia disperata racconta commosso il sindaco di Montegrotto Riccardo Mortandello, cugino della donna -. Stefania non aveva mai sofferto di particolari patologie e in questi giorni appariva in perfetta forma fisica. Era una persona meravigliosa e piena di gioia di vivere, legatissima alla sua famiglia e al suo lavoro che svolgeva con competenza e professionalità, come le era riconosciuto dai titolari dell'hotel e dai clienti. Operava da anni in questo settore, anche in altri alberghi della zona termale». Era stata la sua conoscenza delle lingue, ben quattro, ad aprirle le porte dell'impiego in ambito turistico dopo avere lavorato come hostess in una linea aerea. Originaria del quartiere di Giarre di Abano (aveva anche giocato a pallavolo nella compagine dell'associazione sportiva della frazione) e legatissima alla sua città, Stefania Orsi aveva anche intrapreso la strada dell'impegno politico, candidandosi nelle elezioni amministrative del 2017 con il raggruppamento civico CambiAbano che aveva indicato come sindaco Michele Di Bari, per il ruolo di consigliere comunale. Non era riuscita a entrare nel parlamentino aponense ma non aveva perso l'entusiasmo nel seguire le vicende politiche della città. Oltre ai famigliari, lascia nel lutto due comunità, quella di Giarre dov'era nata e quella di San Lorenzo di Abano, nelle vicinanze del Duomo, dove risiedeva. 
Eugenio Garzotto  © RIPRODUZIONE RISERVATA