Miss Maglietta bagnata: festa ai Navigli ma non si placa la polemica

PER APPROFONDIRE: bagnata, maglietta, miss, padova, polemica
Miss Maglietta bagnata: festa ai Navigli ma non si placa la polemica

di Alberto Rodighiero e Paolo Braghetto

PADOVA - Anche Chiara Gallani spara a zero su Miss maglietta bagnata. L'assessore al Verde ha stigmatizzato la manifestazione che si è tenuta in serata ai Navigli. «Credo che iniziative di questo tipo debbano sollevare una riflessione ha scandito l'esponente di Coalizione civica Ritengo che nel 2018 queste manifestazioni siano perlomeno anacronistiche». Gallani respinge poi al mittente la polemica di chi ha paragonato miss Maglietta bagnata al Padova Pride. «Si tratta di due manifestazioni che non possono essere paragonate perché partono da presupposti completamente diversi. L'iniziativa dei Navigli, infatti, mette in scena una vera e propria aggressione da parte degli uomini nei confronti delle ragazze che partecipano».
 
Ad avere avuto parole molto dure nei confronti della manifestazione, sabato scorso è stata anche l'assessore al sociale Marta Nalin. «Parlare di sessismo non mi sembra eccesivo - è andata all'attacco Nalin - con manifestazioni di questo tipo non si fa altro che oggettivare la donna. Pensavo che cose del genere facessero parte del passato. Far sfilare delle ragazze in maglietta solo per poter sbirciare poi qualche trasparenza, è inaccettabile e manda un messaggio negativo».
DODICI CONCORRENTI
Intanto una folla di curiosi ha assistito al concorso. Le 12 ragazze in gara, portate come nella precedente edizione dall'agenzia padovana BiEvent, hanno sfilato a gruppi di tre prima in vestiti casual e poi con la classica t-shirt bianca senza reggiseno e pantaloncini, pronte ad essere irrorate d'acqua dai cannoncini distribuiti ai giurati lungo oltre un chilometro di via Colombo. Le concorrenti, goliardicamente presentate dal patron della kermesse Federico Contin affiancato dal dj Maurizio Romano, si sono dovute fermare davanti ad ogni chiosco dove erano sistemati i plotoni d'esecuzione armati di pistole e fucili liquidator. Doccia garantita per tutte le partecipanti, scortate dalla sicurezza, dimostrando comunque di divertirsi davanti anche a centinaia di telefonini. A notte inoltrata sul palco centrale è stata proclamata la vincitrice valutata dai giurati per le voci erotismo, seno e bellezza; in palio oltre alle classiche tre fasce del primo, secondo e terzo posto, delle cene per due all'Osteria San Leonardo e una stagione di spritz l'anno prossimo al Naviglio.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 19 Luglio 2018, 10:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Miss Maglietta bagnata: festa ai Navigli ma non si placa la polemica
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 37 commenti presenti
2018-07-21 01:31:45
Che bella tetta che si vede
2018-07-20 11:37:38
Criticare si può, proibire non si deve. Ma per il PD prima si proibisce poi, eventualmente, si chiede scusa dopo trent'anni. In realtà, dove la gente si diverte spunta sempre qualche politico a proibire. E' la loro missione.
2018-07-20 10:44:38
"con manifestazioni di questo tipo non si fa altro che oggettivare la donna". Scusi, ma le partecipanti tutte VOLONTARIE non sono Donne?
2018-07-20 08:58:20
manifestazione di pessimo gusto come lo sarebbe Mister Boxer Bagnato, ma ci sono ancora uomini morbosi di ste cose? ma per favore. E le ragazze? fosse mia figlia altro che concorso
2018-07-20 11:27:57
"uomini morbosi di ste cose"? Anche si. Esistono uomini che hanno senso estetico, pulsioni, banale voglia. Esistono uomini a cui la sfera del sesso anche occasionale piace ed è assolutamente legittima purché non faccia male a qualcuno/a. Le do infine una pessima notizia lettrice, ciò che lei, con mignolino alzato commenta quasi con disgusto, è assolutamente ribaltabile ed applicabile al mondo donna. Esistono donne che fanno a botte per guadagnare un posto in prima fila all'esibizion dei californian dream man, voli charter per Capo Verde piene di donzelle, attempate o meno, che si fanno una settimana a caccia delle emozioni esotiche, donne che alle località termali vengono di sei mesi in sei mesi con il toy boy cambiato e donne che al concorso mister boxer bagnato chiedono di non pertere tempo e togliere direttamente i boxer. E sono tante. Ma tante. Le farebbe bene generalizzare sul genere un po' meno perché non ne uscireste granché bene.