Incidente mortale a Piazzola, Mariano aveva solo da sei mesi la tanto desiderata due ruote

Domenica 4 Settembre 2022
Mariano Industria

PIAZZOLA SUL BRENTA (PADOVA9 - (M.C.) La famiglia, il lavoro ed il Napoli. Città natale, terra mai dimenticata e quando possibile ci ritornava assieme all'adorata famiglia: la moglie Denise Bartolomei, le due figlie adolescenti ed il figlio di sei anni. Questa, in estrema sintesi, la vita di Mariano Industria che si è fermata drammaticamente a metà di un sabato pomeriggio che era di meritato riposo, spensieratezza, in sella alla moto desiderata da tanto e diventata realtà meno di sei mesi fa. Così per Mariano Industria, quel ritaglio di tempo, quell'ora o poco più di un giorno prefestivo con temperatura d'agosto, è stato l'ideale per girare la manetta e trovare la sua libertà sulle amate due ruote a motore.


Lo poteva fare del resto solo nel fine settimana, quando il lavoro da posatore cominciato due mesi fa in un'azienda di Carmignano di Brenta, glielo permetteva, e sempre se non c'erano impegni di famiglia, che per Mariano avevano la precedenza assoluta. Una famiglia che ora stenta a credere alla drammatica, tragica realtà.


In pochi istanti tutto si trasforma. Il profondo legame con la moglie, l'amore immenso verso figlie e figlio, i propri cari, gli amici, vengono ora forzatamente affidati ai ricordi, alle foto, ai video ai racconti. Una vita tutta da vivere assieme alla donna della sua vita, ai tesori nati dall'unione con Denise, un bel futuro che improvvisamente è mutato. Come il tempo si fosse fermato. La notizia della disgrazia in famiglia è giunta nel tardo pomeriggio. La moglie del signor Mariano era al lavoro. E' cameriera e lavora anche per una impresa di pulizie.
Lei è originaria di Carmignano di Brenta ed ha conosciuto Mariano in Veneto. Lui con i genitori si era trasferito molti anni fa. Prima nel trevigiano, poi il destino li ha fatti incontrare diverso tempo fa. Fatti l'uno per l'altra. La nascita dei tre figli e poi il matrimonio. La mamma di Mariano è mancata tanti anni fa, il papà abita nella Marca, ci sono poi due sorelle ed un fratello residenti fuori regione. A breve raggiungeranno San Pietro in Gu dove la famiglia viveva dal 2020, trasferitasi dalla vicina Carmignano di Brenta. «Mariano viveva per la sua famiglia, era una persona di grande allegria e delle amiche - lo ricordano alcune amiche che sono accorse nell'abitazione per stare vicine a miglie, figlie e figlio, assieme ad altri parenti - Da napoletano non poteva non tifare per la squadra della sua città, guardava tutte le partite assieme al figlioletto e quando gli era possibile, tornava a Napoli dai parenti assieme a tutta la famiglia. Da pochi mesi era riuscito ad acquistare la moto che tanto desiderava».

Ovviamente nessuno avrebbe mai potuto immaginare che il grande sogno si trasformasse in tragedia. La ferale notizia dell'incidente mortale si è diffusa in serata anche nella cittadina e nel comprensorio. La data delle esequie non è ancora stata fissata. Necessario attendere la conclusione dell'indagine con il conseguente rilasciato del nulla osta.

Ultimo aggiornamento: 18:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci