Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Processato perché picchia la moglie: ​«Il Corano dice che posso farlo»

Lunedì 12 Dicembre 2016 di Olivia Bonetti
Processato perché picchia la moglie: «Il Corano dice che posso farlo»
56
BELLUNO - «Perché sono sotto processo? Ho il diritto di picchiare mia moglie se mi disobbedisce, guardi: lo dice il Corano». È stata dura spiegare al marito-padrone marocchino 48enne, che per la Giustizia italiana era imputato di maltrattamenti in famiglia, che quello che faceva era contro la legge, almeno sul nostro territori. Il magrebino si è presentato nello studio del suo avvocato bellunese Mina Ombretta Ponticiello con il Corano in mano, ritenendo di non aver fatto nulla di male, e neppure nulla di illegale. «Guardi avvocato, alla sura 34 si dice che posso batterla: mi spiega, allora, perché sono finito a processo?», ha detto il 48enne. Al suo paese, in Marocco, era un poliziotto, ma venne allontanato per il vizio del bere (che sicuramente non si concilia molto con la sua fede e il Corano). Nove anni fa arrivò in Italia, con tutta la sua famiglia, moglie e 4 figli. Si stabilì in Valbelluna e lì nella sua casa ha tenuto segregata la moglie per anni...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci