Isis, il reclutatore arrestato mandato
dall'imam ad addestrare i "bellunesi"

PER APPROFONDIRE: arresto, isis, rok zavbi, ros, slovenia, venezia
Isis, il reclutatore arrestato mandato
dall'imam ad addestrare i "bellunesi"
VENEZIA - E' stato catturato venerdì mattina dai carabinieri del Ros, in collaborazione con la Polizia Slovena (Direzione Criminale di Ljubljana), il reclutatore di terroristi per l'Isis a Nordest: si chiama Rok Zavbi,  nato a Nem Ismert (SLO) il 15 aprile del 1990, residente in Slovenia, di professione autotrasportatore.
I carabinieri hanno eseguito il mandato d’arresto europeo del ricercato internazionale firmato dal giudice per le indagini preliminari di Venezia nei confronti del cittadino sloveno indagato per “Arruolamento con finalità di terrorismo anche internazionale”.
Era già stato a combattere in Siria per l'Isis e in attesa di tornare sui campi di guerra, si prestava ad addestrare altri aspiranti foreing fighter. I dettagli dell'operazione e sono stati illustrati in conferenza stampa dal procuratore aggiunto di Venezia, Adelchi D'Ippolito, e dal comandante dei Ros di Padova, Elvio Sabino Labagnara. Zavbi sarebbe stato uno degli uomini che gravitavano attorno a Husain Bilal Bosnic, il cosiddetto imam del terrore, attualmente detenuto in Bosnia. Sarebbe stato l'imam a inviare il reduce sloveno nel bellunese per addestrare i due futuri combattenti: Ismar Mesinovic, imbianchino bosniaci di 36 anni, residente a Ponte nelle Alpi e fuyggito con il figlio, poi morto in combattimento nel gennaio 2014, e Munifer Karamaleski, 28 anni macedone, residente a Chies d'Alpago. Secondo quanto emerso dalle indagini svolte dai Ros dei carabinieri, lo sloveno era stato ospitato a casa degli aspiranti combattenti nel bellunese e a loro aveva dato precise indicazioni di carattere logistico ed istruzioni sotto il profilo operativo e di combattimento. «Zavbi - ha detto il ten.col. Elvio Labagnara comandante dei Ros di Padova - è un soggetto carismatico sul piano tecnico e logistico».
Grazie alle indicazioni dell’Imam Husein Bosnic, presi i dovuti contatti telematici e telefonici con il contatto in Siria, ad Ismar veniva ordinato di reperire, prima della sua partenza, un furgone, un drone radiocomandato ed un visore notturno da utilizzare in territorio siriano, il primo come mezzo di trasporto, il secondo ed il terzo da impiegare nel teatro di guerra. Pacco con drone e visore spedito dalla Germania il 2 dicembre 2012.



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 9 Maggio 2016, 12:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Isis, il reclutatore arrestato mandato
dall'imam ad addestrare i "bellunesi"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti