L'acqua finalmente è potabile, «ma gialla e senza pressione»

PER APPROFONDIRE: acqua gialla, belluno, san tomaso
L'acqua finalmente è potabile, «ma gialla e senza pressione»

di Raffaella Gabrieli

SAN TOMASO (BELLUNO) - Dopo 136 giorni torna potabile l'acqua delle frazioni basse di San Tomaso Agordino: Avoscan, Roi, La Costa e Sot Colarù con oltre cento persone coinvolte. Chiusa l'esperienza acquedotto di Valdort e via ai rifornimenti dalle vasche di Val Caldiera. Va a risolversi una problematica nata probabilmente già nell'immediato dopo Vaia nei confronti della quale i residenti nutrono ancora forti perplessità. «L'acqua che sgorga dai rubinetti - affermano - è di colore giallo. Raccolta in una bacinella, passando un batuffolo di cotone alla base, questo acquista un colore giallo intenso. Insomma, sinceramente, non c'è grande fiducia nei confronti del nuovo rifornimento».

I FATTI RECENTI
«Da circa due settimane - spiega Francesco Avoscan, portavoce dei paesani - l'acquedotto di Valdort non serve più le frazioni basse di San Tomaso che sono state collegate all'acquedotto proveniente dalle vasche di Val Caldiera, sopra la frazione di Sala. Ufficialmente l'acqua è potabile da ieri (venerdì per chi legge ndr), ma il colore da una decina di giorni lascia parecchio a desiderare. Inoltre, rispetto a prima, abbiamo metà pressione. La preoccupazione è che quando ci saranno i periodi di alta stagione, oppure in periodi di scarse precipitazioni, potranno esserci dei problemi ben più grossi, vale a dire la mancanza d'acqua». «Ecco perché - ribadisce Avoscan - la sorgente Valdort va assolutamente salvata: è un bene prezioso di tutti, sarebbe un peccato andasse perduto. Peraltro le caratteristiche chimiche dell'acqua sono sempre state molto buone. Ma pare che l'Amministrazione la pensi diversamente e questo ci dispiace».

LA PETIZIONE
La petizione a tutela della storica sorgente Valdort, lanciata online da Avoscan attraverso la mail avoscanfranz@gmail.com, ad oggi conta 280 firme. «Possono sottoscrivere il documento anche i non residenti - spiega Avoscan -, è sufficiente essere a favore della salvaguardia e della tutela dell'ambiente. Un tema che sta a cuore a molti: la giovane Greta Tumbergh insegna. Ai primi di maggio consegnerò le firme ad Ato, Bim Gsp e Comune di San Tomaso. Spiace che nell'ambito del progetto di bonifica nell'area a monte della sorgente, quest'ultima sia stata occultata e siano state altresì disattese le prescrizioni date al Comune. Ad affermarlo è la documentazione dell'Usl 1 Dolomiti e dell'Arpav, ottenuta dopo accesso agli atti. Di questo, comunque, spero si pronuncerà la Procura».
Raffaella Gabrieli
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 22 Aprile 2019, 13:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'acqua finalmente è potabile, «ma gialla e senza pressione»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-04-22 17:09:26
Non capisco come un'acqua color brodo di pollo possa definirsi potabile.... mah...!
2019-04-22 15:11:39
Dopo molta sosta le tubazioni devono sgombrarsi. Nell'acqua molto probabilmente non c'è nulla di pericoloso per l'uomo. Cambia il colore. In alcuni giorni si risolverà. Ho trovato anch'io acqua così, a seguito di lavori. E bevendola non è successo niente, giustamente. In natura ci sono addirittura sorgenti sulfuree, l'odore e il colore non sono invitanti, ma fanno addirittura bene.
2019-04-22 13:41:25
Sarà anche potabile, ma sembra quella del gabinetto. Buon appetito
2019-04-22 13:33:09
se devo bere quell'acucqua mi attacco una gomma all'apparato, che almeno so da dove viene.
2019-04-23 10:55:42
dov'e' che ti attacchi la gomma?