Punta il coltello contro la figlia: «Basta social o finisce male»

PER APPROFONDIRE: adolescenti, limana, social, telefonini
Punta il coltello contro la figlia: «Basta social o finisce male»
LIMANA - (L.M.) L'imputato ha preferito rinunciare all'esame in aula. Sicuramente una strategia difensiva per il 43enne accusato di aver minacciato la figlia, brandendo anche un coltello, al fine di convincerla a smetterla con l'uso continuo di telefonino e social. «Se non la smetti di uccido», le avrebbe detto, senza tener conto che la figlia avrebbe potuto metterlo seriamente nei guai, come poi è capitato.

Ha sfiorato la reticenza, invece, la testimonianza della madre dell'imputato, più volte richiamata dal giudice Domenico Riposati, all'obbligo di dire la verità. Eppure, l'episodio avvenne proprio nella sua casa e, come disse successivamente la nipote, sarebbe stata lei a raccogliere le sue confidenze su quella minaccia. La donna ha pronunciato una serie di «non ricordo», affermando addirittura di aver appreso la cosa dai giornali. Rischia un'accusa di falsa testimonianza...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 17 Maggio 2018, 13:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Punta il coltello contro la figlia: «Basta social o finisce male»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-05-17 14:20:54
Un giorno, forse, quella ragazza capirà... O forse voleva solo avere una notizia tutta sua da riempire di like!