Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Virus al mare, dai funghi all'impetigine: quali sono i sintomi. Dermatologo: «Riconoscerli subito per evitare che si allarghino»

Risponde il dermatologo Giovanni Pellacani, direttore clinica dermatologica Umberto I di Roma

Lunedì 8 Agosto 2022 di Alessandro Rosi
Virus al mare, dai funghi all'impetigine. Il dermatologo: «Riconoscerli e curarli subito per evitare che si allarghino sulla pelle»

Herpes, impetigine e salmonella. Sono questi alcuni dei virus, infezioni o batteri che possono colpire durante le vacanze estive. Uno dei più vistosi è il fungo "di mare": chiazze bianche sulla pelle che rovinano l'abbronzatura, ma soprattutto che si possono espandere. Il dermatologo Giovanni Pellacani, direttore clinica dermatologica Umberto I di Roma e divulgatore su dermadok (canale TikTok dove medici informano sulle malattie della pelle), spiega sintomi, cura e prevenzione.  

West Nile e virus Usutu, è allerta in Sardegna: ecco i consigli della Asl di Oristano per proteggersi

Cosa sono i funghi "di mare"?

È un commensale, che vive normalmente sulla nostra pelle. Non è un batterio, ma un fungo, anche se fa sempre parte dei parassiti. Come negli animali la differenza tra elefanti e mosche. Si vede soprattutto nel periodo estivo, perché questo fungo produce un discolorimento della cute. Chiazze, che sono più chiare.

Come si riconoscono?

Macchie più chiare, non completamente bianche, sulla pelle. Che formano un aspetto a mappa geografica. Non fa prurito, o lieve. Quindi sintomi molto pochi. E non ha eritema, quindi niente rossore. Ma tende lentamente ad allargarsi.

Virus Usutu, è allerta in Sardegna: ecco i consigli della Asl di Oristano per proteggersi

Come si curano?

Si può curare facilmente, ma bisogna essere sicuri della diagnosi. Perché tende a ritornare. Ci sono schiume, creme, shampoo e altri prodotti che contengono un antifungino. Cosa fa? Elimina il fungo. Ma bisogna utilizzarlo per 4 settimane. Va usato anche sulla nuca, perché staziona lì. Quando si usa il prodotto occorre lasciarlo per 10 minuti almeno.

Come prevenirli?

Di solito si manifesta in primavera. Se uno ha la tendenza ad averli, allora può usare i prodotti antifungino, due volte alla settimana, ad aprile, maggio, giugno. Per evitare che il fungo torni.

Quali altre infezioni ci possono colpire al mare?

Le piccole infezioni cutanee, come la cosiddetta impetigine. Piccole infezioni cutanee che avvengono quando uno ha dei piccoli tagli sulla pelle o si gratta. Si formano delle chiazze, più rosso, e delle croste giallo marroncine. Molto spesso, sui più piccoli, intorno alle cavità (es. naso) e poi si diffondono. Vanno curate con un antibiotico, essendo un batterio.

 

L'herpes?

È il virus più tipico. La prima esposizione al sole genera una immunodepressione locale sulla pelle e quindi, a chi è soggetto, si manifesta: solitamente sul labbro. 

Come si cura?

Antivirali per bocca.

Virus a Gallipoli? I racconti su TikTok: «Batterio nell'acqua. Occhi rossi, tosse e febbre alta»

Prevenzione?

Solari contenenti dello zinco, perché protegge dalla recidiva dell'herpres. Consigliati i solari pediatrici, da comprare in farmacia.

Ultimo aggiornamento: 10 Agosto, 09:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci