Cuneo, Samuele Racca morto travolto dal grano a 10 anni: stava giocando nell'azienda di famiglia

Mercoledì 30 Giugno 2021
Cuneo, Samuele Racca morto travolto dal grano a 10 anni: stava giocando nell'azienda di famiglia

Dopo un anno di duro lavoro la raccolta del grano, per chi vive di agricoltura, è sempre un momento di festa. Così doveva essere ieri sera a Maniga, borgo di un centinaio di abitanti in provincia di Cuneo, nelle campagne tra Sommariva e Cavallermaggiore. Samuele, dieci anni appena, stava giocando in un rimorchio adibito alla raccolta del cereale, dopo aver trascorso la giornata col nonno agricoltore impegnato nella trebbiatura. Quando sono andati a cercarlo, era riverso sul grano, esanime. E non c'è stato modo di rianimarlo.

 

Le sculacciate ai bambini? Non educano, anzi aumentano l'aggressività: lo studio su Lancet

 

Samuele Racca, le indagini sull'incidente

L'incidente, su cui ora indagano i carabinieri coordinati dalla procura di Asti, nei campi dell'azienda agricola di famiglia. L'allarme è stato immediato e sul posto è intervenuto anche l'elisoccorso, ma non c'è stato nulla da fare. «Era allegro, si era divertito a stare nei campi, come fanno da queste parti i bambini quando finisce la scuola», raccontano alcuni testimoni col volto segnato dalle lacrime. «Qui ci conosciamo tutti, è come se fosse morto mio figlio - dice un altro - Non riusciamo a capire come sia potuto accadere». Sarà l'autopsia a chiarire la causa della morte del piccolo Samuele, la salma trasferita all'ospedale di Verduno, a disposizione delle autorità. Il bambino - che sembra soffrisse d'asma - potrebbe essere deceduto per le esalazioni del grano, oppure per un malore, o ancora in seguito a una caduta.

 

 

 

Samuele Racca, chi era

Sembra invece esclusa l'ipotesi, circolata nelle prime ore dopo la tragedia, che il bambino fosse stato sepolto dal grano trasferito dalla mietitrebbia al cassone del rimorchio agricolo. La morte improvvisa e apparentemente senza senso di Samuele è stata uno choc per il piccolo centro di Sommariva del Bosco e, ovviamente, per la famiglia. Il bimbo era figlio unico; il papà, Fabio Racca, è il cantante e musicista dell'orchestra 'I Roeri', gruppo di musica liscio piemontese noto in tutto il Sud Piemonte e nel Torinese. La mamma, Nadia Allocco, lavora all'interno dell'Albergo dell'Agenzia a Pollenzo. Quel figlio era tutta la loro vita e la sua morte li ha sconvolti al punto che ieri sera è stato necessario accompagnarli in ospedale.

 

Genzano, incidente frontale tra due auto: grave una coppia di coniugi

Sassari, neonata con busta di plastica attorno alla testa: è in fin di vita. Ipotesi tragico gioco con il fratello

 

Samuele era un ragazzino vivace, molto legato ai genitori e al nonno, con cui amava trascorrere le giornate. Chierichetto nella piccola parrocchia della frazione Foresto di Cavallermaggiore, proprio nella scuola calcio del paese, che dista pochi chilometri da Maniga, giocava a pallone come attaccante. Aveva un idolo, lo juventino Cristiano Ronaldo, che imitava nell'esultanza ogni volta che riusciva a segnare un gol. «Era un bambino dal grande sorriso - ricorda Davide Sannazzaro, sindaco di Cavallermaggiore -, pieno di energia. La scorsa settimana l'ho accompagnato in auto ogni giorno a Saluzzo, dove si era iscritto a un football camp estivo con mio figlio. In macchina mi prendeva in giro dicendo 'uao! viaggio sull'auto del sindacò». «È una tragedia che ci lascia sbigottiti, senza parole», aggiunge il vicesindaco di Sommariva del Bosco, Marco Pedussia, annunciando che il paese proclamerà il lutto cittadino.

Ultimo aggiornamento: 1 Luglio, 08:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA