Bologna, inferno di fuoco, la Procura: «Ipotesi colpo di sonno». Identificato il corpo dell'autista

PER APPROFONDIRE: andrea anzolin, bologna, vittima
Bologna, Conte visita poliziotto eroe. Pm: «Colpo di sonno». La chiamata dell'agente alla Centrale e le richieste di aiuto /ASCOLTA Il cratere visto dall'elicottero
Potrebbe essere stato «un colpo di sonno dell'autista dell'autocisterna o un momento di distrazione» a provocare il rogo di Borgo Panigale, vicino Bolgona. «Ma è ancora troppo presto per dirlo con certezza» secondo il procuratore di Bologna Giuseppe Amato, che ai microfoni del Giornale Radio Rai, ricostruisce le possibili cause dell'incidente di Borgo Panigale.

LEGGI ANCHE Bologna, chi è Rioccardo Muci, l'agente eroe che ha salvato decine di persone dall'inferno di fuoco

Un «dato importante - spiega - è la registrazione delle immagini dell'incidente, dove si vede il tamponamento dell'autocisterna, l'incendio e poi la successiva esplosione». Amato esclude, al momento, la responsabilità di altri: «Mi pare che ci sia un evidente nesso di casualità immediato - ha detto - per cui l'implosione del ponte non è correlata ad un possibile difetto di costruzione, con un mal governo da parte del responsabile, è conseguenza immediata di un evento di devastanti proporzioni quale è quello che si è realizzato».

 

Spiega ancora che «non abbiamo ritenuto di fare nessun tipo di sequestro con l'intenzione già oggi di consentire alla società Aautostrade di ripristinare la circolazione in quel tratto di strada». Amato, infine, ha confermato che, sulla vicenda, è stato aperto un «fascicolo a carico di ignoti dove si ipotizza il disastro colposo e, ovviamente ,il reato di omicidio, lesioni colpose stradali plurime».

L'unica vittima dell'incendio è proprio l'autista Andrea Anzolin, 42 anni, vicentino che lavorava per un'impresa di commercio e distribuzione di carburante della provincia di Vicenza. Era un autista esperto, che da molti anni guidava mezzi che trasportano materiale infiammabile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 7 Agosto 2018, 09:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bologna, inferno di fuoco, la Procura: «Ipotesi colpo di sonno». Identificato il corpo dell'autista
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-08-08 05:57:32
Spero gli inquirenti risalendo dal numero, riescano a capire se stava in linea messaggiando al telefonino.Speriamodi no.Altra ipotesi il colpo di sonno.Ma per frenata di emergenza e distrazione autista ci dovrebbero essere dispositivi ...dal 2009. sulla carta dei decreti siamo sempre all'avanguardia, poi....Hanno tolto il secondo pilota daitreni...sostituito davari marchingegni computerizzati...speriamo funzionino.
2018-08-07 16:32:42
onore all'agente che spero sarà decorato. Un appunto al presidente del consiglio in visita al ferito: siamo in ospedale, prima di stringergli la mano avrebbe dovuto indossare i guanti, pura igiene, o forse se le era disinfettate?
2018-08-07 17:56:01
lascia perdere i guanti, non li avevano nemmeno i dottori. prima di parlare di colpo di sonno o di malore io andrei a vedere i tabulati del telefonino del camionista. sono dati rintracciabili e visibilissimi. è certo che negli incidenti il 90% è solo pura e semplice distrazione. e cosa provoca la distrazione al giorno d'oggi?
2018-08-07 19:17:19
.... qualche imbecille ha anche l’ipad mentre guida....
2018-08-07 17:56:32
te ne frega qualcosa se conte si becca un'infezione?