Diciotti, Salvini: «Governo in gioco». E Di Maio apre all'immunità

PER APPROFONDIRE: di maio, immunità, salvini
Diciotti, Salvini: «Governo in gioco»
E Di Maio apre all'immunità

di Simone Canettieri

Prima la nota congiunta dei capigruppo della Lega, alla Camera e al Senato: «Processare Salvini è processare il governo», è stato il messaggio ai naviganti di Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo. Ergo: rischia di saltare. Poi, dopo due ore, poco prima delle 18, la mossa del senatore Pd Matteo Renzi: «Senza alcun pregiudizio ideologico, voterò a favore della richiesta di autorizzazione a procedere». 
Nello spazio di un pomeriggio dunque Luigi Di Maio ha capito che il voto del M5S rischia di spaccare il governo, di aprire una crisi al buio a due mesi delle europee e soprattutto, anche in caso di tenuta, di offrire all’alleato un rigore a porta vuota per la campagna elettorale. In quel momento, le sicurezze dei 5 Stelle sul sì all’autorizzazione nei confronti del ministro dell’Interno, come vuole la tradizione grillina in casi analoghi, hanno avuto uno sbandamento. Tanto che in serata autorevoli fonti pentastellate di Palazzo Senatorio riflettevano: «Nulla è deciso, aspettiamo la giunta».

Diciotti, Salvini: «M5S vota sì a richiesta di processo? Non ho bisogno di aiutini»

​Sea Watch, Palazzo Chigi: «Messe a rischio vite migranti, "corridoio" verso l'Olanda»

LA STRATEGIA 
Domani il presidente Maurizio Gasparri (Forza Italia) aprirà l’istruttoria. E le carte, al momento ancora coperte, inizieranno a svelarsi. L’idea che Salvini tolga le castagne dal fuoco al M5S sembra ormai poco probabile. Anzi il leader della Lega dice ai suoi in queste ore che «l’autorizzazione deve essere negata perché ho agito nell’interesse del Paese come da promessa della campagna elettorale». 
La sfida dunque è lanciata e anche Di Maio che all’inizio aveva fatto trapelare un «sì» adesso fa un altro ragionamento. «Per me non c’è nessuna turbolenza, riguarda una decisione di tutto il governo, non credo che sia giusto relegare alle decisioni del ministro dell’Interno tutto questo».

Dal M5S spiegano che «Luigi in questo momento sta riflettendo». E che dunque la clamorosa virata potrebbe essere davvero dietro l’angolo. Il tempo sembra essere il miglior alleato dei grillini, più della Lega, in questo frangente. Già il voto della giunta sarà decisivo. E proprio ieri diversi senatori grillini spiegavano che «occorre prendere una decisione tecnica e giuridica» prima che politica. Qui, continuavano, «non c’è di mezzo Salvini, ma le prerogative del ministro e della sua azione di governo, che è anche la nostra».
L’idea che i 5 Stelle possano votare sì, insieme al Pd “condannando” così il titolare del Viminale prende, con il passare del tempo, le sembianze dell’incubo. «Non facciamoci del male», dicono i più realisti ma anche governisti tra gli uomini di Di Maio. Dal Carroccio hanno capito la contraddizione e iniziano a scavarla. Racconta un importante senatore della Lega che sta seguendo il dossier: «I nostri alleati, si possono scottare con questa vicenda, rischiano un autogol clamoroso». 

D’altronde Lorenzo Fontana, ministro e soprattutto vicesegretario del Carroccio, ha parlato chiaro e tondo di «problema politico» per l’esecutivo qualora arrivasse il sì all’autorizzazione. 
Dati su cui sta «riflettendo» nelle ultime ore Di Maio. Se Salvini non farà il beau geste (ipotesi remota), potrebbe esserci il colpo di scena. Che però va fatto indorare alla truppa pentastellata al Senato. I duri e puri sono pronti a non fare un passo indietro anche su questo principio fondativo del MoVimento. I più realisti fanno altri ragionamenti: «Se condannato Salvini farà la vittima e capitalizzerà elettoralmente questa vicenda». Non solo: «Rischiamo anche di terremotare il governo». Insomma, in questa vicenda, c’è l’idea diffusa che il M5S possa solo che perderci. 
In questo caos, fatto di strategie a specchio, si attende la riunione del gruppo di Palazzo Madama del M5S. Di Maio è pronto a incontrare i senatori. Da una parte c’è un pilastro del MoVimento (il rispetto senza se e senza ma dell’azione della magistratura), dall’altra la tenuta della maggioranza gialloverdi. Di più: del governo. Sono in molti a scommettere che, davanti a un voto palese, possa prevalere, ancora una volta, la ragione di governo su quella dei principi sempre più negoziabili.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 29 Gennaio 2019, 00:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Diciotti, Salvini: «Governo in gioco». E Di Maio apre all'immunità
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2019-01-30 09:09:43
Clara P. la devo correggere salvini non sa di non correre nessun rischio ha i 5stelle dalla sua. Ha presente quelli delle sceneggiate sull'onestà?
2019-01-30 08:34:59
Ferma tutto un'altra volta, il prestanome conte ha detto che la colpa se la prende lui in prima persona, cosa non si farebbe per un'amico e per il posto di lavoro. Alla prossima
2019-01-30 08:01:06
di amio apre all'immunità ahahahahahahaah, la paura fa diciotti teme di dover riprendere la vendita di popcorn e gelati. di maio ti sei scordato la parola ONESTA'? Visto che vedi salvini tutti i giorni, gli potresti chiedere se mi può restituire i miei 49 milioni di euro? Altrimenti chiedi le sue dimissioni immediate, vediamo che di pasta sei fatto.
2019-01-29 19:28:50
Ferma tutto, salvini ha problemi di incontinenza in vista del processo e ha fatto marcia indietro. Udite-Udite fa addirittura appello alle Istituzioni Europee, si avete capito bene, salvini il sovranista assoluto si appella all'Europa. Da capotarse dal ridere, credo che anche la lega lo stia abbandonando, perché finché si ride e si scherza è un conto ma quando sequestri centinaia di persone e infrangi una marea di leggi civili e penali la cosa si fa seria.
2019-01-29 14:50:35
IL RAPPRESENTANTE DEL PD IN EUROPA l'italiana Cécile Kyenge gli immigrati vanno accolti tutti, indiscriminatamente. Un pensiero arci-noto e che ha ribadito in un'intervista a La Zanzara di Radio 24, in cui l'europarlamentare Pd ha commentato anche quanto sta avvenendo al largo di Siracusa, dove resta ormeggiata la Sea Watch con i suoi 47 immigrati a bordo. "Secondo me tutta l’Italia vuole lo sbarco di queste persone - ha affermato la Kyenge, che mostra di non avere alcun dubbio al riguardo -. Dovrebbero sbarcare subito, toccare terra, ricevere le cure necessarie, e poi discutere per vedere come redistribuire le persone". Niente da fare, però, perché Matteo Salvini non molla di un millimetro. "Salvini - attacca la Kyenge - prende decisioni disumane sulla pelle delle persone. Si guardi allo specchio la mattina, e si giudichi secondo la sua coscienza. Le persone non possono esser lasciate così". Finita? Non proprio. A quel punto Giuseppe Cruciani le chiede quanti fratelli ha in Congo, e la Kyenge risponde: "Veramente i miei fratelli e le mie sorelle sono un po’ sparsi per il mondo. Ma che c’entrano con la nave? Ne ho 38. Non è una cosa strana. Lo dico chiaramente senza vergognarmi. Se la mia famiglia è questa, lo devo dire. Quelli di mia madre sono nove. Poi mio padre ha fatto figli con altre donne". In Italia ci sarebbe posto per loro, viene incalzata? "E perché no? Con 38 posti l’Italia va in tilt?", taglia corto l'ex ministro per l'Integrazione. Infine, la Kyenge aggiunge: "Nei prossimi 30-40 anni l'Europa avrà bisogno di almeno 50 milioni di immigrati, minimo. Alcuni territori devono essere rigenerati. Quei territori devono vivere, l’economia deve andare avanti. Bisogna saper guardare oggi al domani. Quindi dico 50 milioni… minimo". Come no...