Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Di Maio-M5S, è addio: «Lascio il Movimento, una scelta sofferta. Alcuni dirigenti hanno rischiato di indebolire l'Italia»

«Insieme per il futuro» è il nuovo progetto politico del ministro degli Esteri, nato con l'obiettivo dichiarato di formare gruppi autonomi alla Camera e al Senato

Martedì 21 Giugno 2022
Di Maio lascia il M5S, il ministro: «Parole dirigenti del Movimento hanno rischiato di indebolire l'Italia»
8

«Lasciamo il M5S  che da domani non sarà più la prima forza politica del Parlamento». L'addio di Luigi Di Maio  al Movimento che aveva contribuito a portare oltre il 30% arriva alla fine della giornata più lunga per la tenuta della maggioranza e del governo. L'ex capo politico M5S annuncia una «scelta sofferta» ma che pone fine alle «ambiguità». E assicura che nella nuova realtà non ci sarà spazio «per odio, populismi, sovranismi, personalismi, superficialità». 

Di Maio, il nuovo gruppo si chiamerà "Insieme per il futuro". Alle Camere via alla diaspora: già 35 firme, obiettivo 50 tra deputati e senatori

LA SCISSIONE 

Di Maio lancia la sua «operazione verità» dopo che Draghi ha incassato il sì compatto della sua maggioranza al Senato, con 219 voti, a proseguire nell'azione di sostegno all'Ucraina con una risoluzione che, dice il suo ministro degli Esteri, «rafforza il governo» con un «voto netto» dopo «settimane di ambiguità, turbolenze e attacchi» che «indebolivano» l'immagine dell'Italia all'estero. Pensare di «picconare» il governo per ragioni «legate alla crisi di consenso», senza nemmeno riuscire a recuperare voti, affonda Di Maio, è da «irresponsabili». E conferma, acclamato dai deputati e senatori che lo stanno seguendo nel nuovo progetto, l'intenzione di continuare a sostenere «con lealtà e impegno» il governo Draghi. Non sarà, assicura, un «partito personale» ma si darà vita a «un nuovo percorso». Perché una «forza politica matura», dice ancora riferendosi ai suoi ex compagni di viaggio, deve sapere «aprirsi al confronto, al dialogo» e saper fare tesoro dell'esperienza nelle istituzioni che, a distanza di due legislature, «ci ha fatto capire che alcune esperienze del passato erano sbagliate». ​

 

Di Maio, il nuovo gruppo si chiamerà "Insieme per il futuro": ecco da chi è composto

Conte non replica. Ma ad avvertire che «tutto questo odio» si trasformerà in un «boomerang» ci pensa il capo della comunicazione M5S, Rocco Casalino. Prima dell'annuncio alla stampa ( Di Maio parla ma non c'è spazio per le domande) il ministro degli Esteri fa un passaggio al Quirinale, che era stato preventivamente informato così come Palazzo Chigi, dell'intenzione di lasciare il Movimento. Lo strappo di Di Maio, che prende forma in mattinata, si incrocia - e probabilmente contribuisce a risolvere - l'impasse sulla risoluzione da accompagnare alle comunicazioni del premier in vista del prossimo consiglio europeo: partiti e governo tornano a riunirsi - dopo la fumata nera di lunedì - per trovare le parole con cui recepire l'istanza del Movimento, appoggiato anche da Leu, di una maggiore partecipazione alle scelte di politica estera dell'esecutivo nei momenti più «rilevanti», compresi eventuali nuovi invii di forniture militari.

LA STRATEGIA 

La ricerca del dispositivo giusto prosegue per diverse ore, sul tavolo arrivano decine di proposte di mediazione che puntualmente, racconta chi ha partecipato alle riunioni, trova il muro «irremovibile» di Palazzo Chigi. Va bene il coinvolgimento del Parlamento, è il messaggio che arriva dai piani alti del governo, ma entro i limiti già definiti dal primo decreto legge, che Draghi non a caso cita nel suo intervento in Aula a Palazzo Madama. Un discorso asciutto, di una ventina di minuti, in cui il presidente del Consiglio conferma il sostegno italiano all'adesione di Kiev all'Unione europea, ribadisce la necessità di sbloccare al più presto i porti per evitare che la crisi del grano si trasformi in una «crisi umanitaria di dimensioni straordinarie». E insiste sulla necessità «ancora più urgente» dopo la riduzione delle forniture da parte di Mosca di imporre un tetto al prezzo del gas. Ma a tenere banco tra i senatori è la mossa di Di Maio. A Palazzo Madama un nuovo gruppo non si può formare senza un simbolo ma alla Camera sono almeno una cinquantina i deputati pronti a seguire il minsitro degli Esteri.

Ucraina, Draghi: sostegno a Ucraina e meno dipendenti dal gas russo già dal 2023

E accanto alla conta cominciano a circolare anche voci che vorrebbero Conte, costretto a cedere sulla risoluzione, pronto a uscire dal governo. «Sono altri che creano problemi non noi», taglia corto il ministro 'contianò Stefano Patuanelli. Ma l'addio della pattuglia dimaiana per formare il gruppo «Insieme per il futuro», spacca il Movimento e preoccupa il Pd: «Fate in modo che lo scontro non ricada sul governo e sulla politica estera italiana» il messaggio recapitato da Enrico Letta sia a Conte sia a Di Maio, mentre Matteo Renzi e Carlo Calenda apertamente festeggiano per la rottura del Movimento. Nel frattempo arriva il quanto mai sofferto via libera alla risoluzione che contiene sì il «necessario» e «ampio» coinvolgimento delle Camere in tutti i passaggi cruciali, ma «secondo quanto previsto dal decreto legge 14/2022». Con una soddisfazione che Draghi esprime ringraziando più volte il Senato.

 

Ultimo aggiornamento: 23 Giugno, 11:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci