A rapporto dal Papa il cardinale condannato in Francia per aver coperto prete pedofilo

PER APPROFONDIRE: cardinale, papa francesco, pedofilia
A rapporto dal Papa il cardinale condannato in Francia per aver coperto prete pedofilo

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano - Il cardinale di Lione, Philippe Barbarin, condannato da un tribunale in Francia a 6 mesi per non avere denunciato alla polizia un prete pedofilo nonostante le informazioni sul suo conto, è stato ricevuto stamattina da Papa Francesco. Nei giorni scorsi aveva annunciato le sue dimissioni anche se non si sa se il Papa le abbia accettate o meno, come del resto prevede la prassi canonica in vigore.

In ogni caso il caso dell'arcivescovo di Lione scuote la Chiesa nel profondo perchè si tratta della prima sentenza europea contro le coperture garantite da un vescovo a un pedofilo.

Nel caso che il Papa accettasse immediatamente le dimissioni di Barbarin (cosa che a molti in Vaticano appare qualcosa di improbabile, visto che in genere si attende la sentenza di appello) dovrebbe nominare un amministratore apostolico per la sede di Lione. Il bollettino della sala stampa non fa menzione ad alcun provvedimento, se non dell'avvenuta riunione a Santa Marta tra il cardinale francese e il pontefice. 

Nella messa mattutina a Santa Marta, però, il Papa stamattina è tornato a parlare della misericordia di Dio, quella forza capace di perdonare le azioni più «brutte» concludendo che non bisogno giudicare gli altri, nè condannarli ma perdonare: in questo modo, ha detto, si imita la misericordia del Padre. «La misericordia di Dio è una cosa tanto grande, tanto grande. Non dimentichiamo questo - ha detto il Pontefice -. Quanta gente dice: 'Io ho fatto delle cose tanto brutte. Io ho comprato il mio posto nell'inferno, non potrò tornare indietrò. Ma pensa alla misericordia di Dio?»

Per mettersi nel solco della misericordia, Gesù indica tre consigli pratici. Anzitutto non «giudicare»: una «brutta abitudine» da cui astenersi, soprattutto in questo tempo di Quaresima. «È un'abitudine che si immischia nella nostra vita anche senza che noi ci accorgiamo. Sempre! - ha sottolineato Francesco - Anche per iniziare un colloquio: 'Hai visto quello cosa ha fatto?'. Il giudizio sull'altro. Pensiamo quante volte al giorno noi giudichiamo. Ma per favore! Sembriamo giudici mancati tutti, no! Tutti». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 18 Marzo 2019, 14:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
A rapporto dal Papa il cardinale condannato in Francia per aver coperto prete pedofilo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti