Il sorpasso a ruota alta e lo schianto: la morte di Stefano ripresa dalla telecamera sul casco

Domenica 28 Giugno 2020 di Roberta Paulon
Il sorpasso a ruota alta e lo schianto: la morte di Stefano immortalata dalla telecamera sul casco
11

ADRIA - Un sorpasso a ruota alta e poi la sbandata appena ha toccato terra. La Suzuki Motard ha bacchettato, urtato il guard rail e poi rovinando sull'asfalto per decine di metri con il casco del ragazzo in frantumi dopo il violento impatto. Stefano Trovò non si è più alzato, esanime in mezzo alla strada. La dinamica dell'incidente di venerdì sera è tutta nelle immagini fissate dalla telecamera GoPro che il 20enne cavarzerano aveva sul casco. Le immagini, salvate nella memoria della telecamera, oltre a registrare gli ultimi minuti di vita di Stefano, la sua voce mentre gironzolava in jeans e t-shirt, le strade percorse nella zona del Porto, la rotatoria Chieppara, hanno permesso ai Carabinieri di conoscere la dinamica dell'incidente in via Parco del Delta verso le 19. Una sorta di scatola nera. 

Il volo in moto e il disperato tentativo dell'amico di salvarlo: muore a 29 anni

VIDEO DECISIVO
Il video della GoPro, telecamera di piccole dimensioni che viene utilizzata dai motociclisti e in generale dagli sportivi per condividere su YouTube le proprie esperienze, mostra la moto di Stefano che si alza bruscamente mentre effettua un'accelerazione. Nessun dubbio sulla dinamica dell'incidente, confermata dalle testimonianze raccolte sul posto dai carabinieri di Adria che hanno interrogato gli automobilisti che hanno assistito a tutta la scena, mentre il Suem 118 tentava di rianimare il ragazzo. Le immagini hanno escluso che ci sia stato un impatto, nessun altro mezzo è stato coinvolto nell'incidente che ha tolto la vita a Stefano. Così, ieri mattina la procura di Rovigo ha chiuso il fascicolo e messo la salma del 20enne cavarzerano a disposizione della sua famiglia.

Ultimo aggiornamento: 29 Giugno, 17:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA