Maltempo. Zaia: «Roma paghi, non
vorrei si arrivasse a sciopero fiscale»

Disastro maltempo,
Zaia attacca:
«Roma paghi o scatta
lo sciopero fiscale»
VENEZIA - L'emergenza maltempo, per il presidente del Veneto Luca Zaia, «non è passata ed ora presenteremo il conto a Roma. Non vorrei si arrivasse a uno sciopero fiscale».



«Fino al termine della prossima settimana l'allerta continua, stiamo monitorando le emergenze che abbiamo in Veneto, ora dopo ora». Il presidente lo ha indicato oggi a Treviso nel corso di un programma televisivo a Rete Veneta.



«Per l'alluvione di questi giorni - ha proseguito - dobbiamo fare censimento dei danni. Notificheremo al governo una prima stima e dopodiché il governo deve rispondere. Al presidente del Consiglio Letta ho presentato la situazione anche perché non passasse l'idea che qui ci siamo inventati l'alluvione. Una regione che paga 21 miliardi di euro l'anno a Roma ha il diritto di chiedere le risorse. La gente l'ha capito e non vorrei che poi si passasse a uno sciopero fiscale». «Noi siamo veneti e dobbiamo far sentire la nostra forza a Roma. Qui non c'entra nulla la politica - ha concluso Zaia - dobbiamo riportare a casa i soldi, che sono nostri. Qualora i soldi versati al fisco non tornassero sul territorio sotto forma di aiuto sarebbe legittimo a quel punto chiedere alle imprese come si comporterebbero».








Sabato 8 Febbraio 2014, 16:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maltempo. Zaia: «Roma paghi, non
vorrei si arrivasse a sciopero fiscale»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2014-02-09 14:51:42
Sto leggendo la Storia dell\'Irlanda. Ho letto ,in dettaglio,come gli Inglesi si impossessarono delle cariche pubbliche e come tassando a morte gli Irlandesi si presero le loro terre,oltre a denigrarli;non dico che la situazione sia così terribile nel Veneto,ma qualche similitudine esiste tra trattamento degli Irlandesi e trattamento dei Veneti da parte dei governi centralizzati di Londra e di Roma. Federalismo fiscale! E non tiratemi fuori la storia del trota,tanzania etc. --l\'Ideale resta anche quando tradito!-- Non dimentichiamo che Roma ,quella dei Papi,ha impedito l\'unione dell\'Italia ,ogniqualvolta un principe o uno stato italiano cercò la supremazia(dunque una Unione)sulla Penisola.
2014-02-08 21:22:20
21 miliardi allo Stato ? Visto che i trasferimenti sembrano \"obbligatoriamente dovuti\", si comincino a trattenere il costo dei danni alle cose pubbliche e dei risarcimenti ai privati. Vediamo se qualcuno avrà da ridire.
2014-02-08 20:21:50
Condivido in pieno ciò che ha detto il governatore Zaia... Poi quando fanno due gocce d\'acqua a Roma proclamano lo stato di calamità... Per chi avesse da ridire: se è del centro-sud posso capire, è nel suo interesse mantenere l\'unità d\'Italia. Ma se questo qualcuno fosse del nord (e in particolare del nord-est) gli dico: sveglia fessacchiotto!! Magna pan e volpe alla mattina!! Ma perché non facciamo questo benedetto referendum sull\'autonomia (e magari indipendenza)?? Qualcuno teme forse il risultato??
2014-02-08 18:36:44
Zaia Manco riesco a commentare a casa mia!!!! Sarebbe ora e tempo che ci ribellassimo allo scippo costante dei nostri soldi da Roma. Andiamocene da questa Italia che non ci dà niente, anzi ci deruba. I nostri soldi per gli sprechi del Sud si trovano sempre per i nostri problemi i soldi nostri non si trovano mai.
2014-02-08 18:00:55
Zaia e lo scopero fiscale E\' come dire che non avremo niente.