​Bloccano l'auto sulle strisce e uno di loro fa anche la pipì... finisce male

PER APPROFONDIRE: auto, belluno, pipì, strisce
Bloccano l'auto sulle strisce e uno di loro fa anche la pipì... finisce male
BELLUNO - Si misero sulle strisce pedonali impedendo il passaggio ad un auto. Robin Zoldan 38 anni e Luca Da Rold, 55, entrambi di Belluno, sono finiti a processo con l'accusa di violenza privata commessa in concorso tra loro. Inoltre Da Rold deve rispondere anche del reato di atti contrari alla pubblica decenza per aver fatto tranquillamente pipì nella pubblica via davanti ad altre persone. Era il 31 luglio del 2013 quando i due decisero, secondo il capo di imputazione, di occupare la sede stradale, piazzandosi proprio sopra le strisce pedonali. In questo modo avrebbero impedito il passaggio alle auto e in particolare ad una Citron di proprietà di M.F. Per poter passare, l'automobilista fu costretto a chiamare i carabinieri che non solo fecero spostare di due amici di una serata un diversa, ma provvidero anche alla loro identificazione e alla denuncia, entrambi per violenza privata, mentre Da Rold anche per atti osceni in luogo pubblico. Il processo è stato aperto ieri davanti al giudice e rinviato ad altra data. In aula, per la difesa, c'erano gli avvocati Giorgio Gasperin e Sonia Rinaldo. Intanto gli anni passano.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Settembre 2018, 13:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
​Bloccano l'auto sulle strisce e uno di loro fa anche la pipì... finisce male
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2018-09-18 18:22:46
Per un caso del genere, se ci fosse una giustizia degna di questo nome, in 48 ore, massimo una settimana ci sarebbe già stata una sentenza definitiva.
2018-09-18 16:21:31
L'atto è deplorevole. Ma certamente la loro condanna striderà di fronte a migliaia di altre assoluzioni regalate a clandestini che ne hanno fatte e continuano a farne ben di peggio. Speriamo venga il giorno in cui ciascuno, a prescindere da etnia e altri particolari, debba essere pienamente responsabile delle proprie azioni, e rispondere delle proprie bravate.
2018-09-18 16:20:25
vista l'età dei due ometti c'è anche di che vergognarsi e pure da aggiungere la vergogna che la cosa non sia risolta dal 2013 ad oggi
2018-09-18 19:42:35
Gia, 2013 e siamo nel 2018. Giustizia itagliana.
2018-09-18 15:23:49
Dal 2013? 5 anni e due mesi per un processo e non è ancora finita...