Asia, finalista di "The Voice of Italy", investe e uccide un ciclista 52enne

Asia Sagripanti, 19enne finalista di The Voice la scorsa edizione con Francesco Renga
PORDENONE - Investimento mortale, attorno alle 12, ad Azzano Decimo (Pordenone): per cause al vaglio dei carabinieri, un uomo di 52 anni, residente della frazione di Tiezzo, di cui non sono ancora state diffuse le generalità, è stato investito da un'auto ed è morto. Alla guida della vettura c'era Asia Sagripanti, 19 anni, finalista nel programma televisivo 'The Voice of Italy 2018', talent in cui si è classificata al quarto posto nella squadra capitanata da Francesco Renga. Secondo una prima ricostruzione e la testimonianza della ragazza, a far perdere il controllo dell'auto sarebbe stato un insetto, probabilmente una vespa, entrato nell'abitacolo. L'insetto avrebbe distratto la giovane alla guida, che non si sarebbe accorta della presenza del ciclista sul lato della carreggiata. La giovane è stata portata in ospedale sotto choc.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 4 Settembre 2018, 19:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Asia, finalista di "The Voice of Italy", investe e uccide un ciclista 52enne
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 50 commenti presenti
2018-09-06 09:48:49
Quanti commenti inutilmente sarcastici. Certa gente e' piena di veleno e non vede l'ora di schizzarlo contro qualcuno.
2018-09-04 21:40:35
Non per dubitare della versione della ragazza, ma un'attenta analisi del suo telefonino io la riterrei opportuna. Chissà perchè mi ritorna in mente qualche anno fa, quando qualche americano coinvolto in uno scontro frontale, c'era sempre il famoso colpo di sole che lo aveva abbagliato...
2018-09-05 04:52:26
sarebbe il caso di controllare le chiamate del telefonino
2018-09-05 13:25:13
Il sequestro e la sucessiva anlisi del telefonino, in caso di incidente grave è già contemplato nel codice della strada, dalle ultime norme aggiunte.
2018-09-05 15:09:24
Che pochezza i vostri commenti ...alla stregua del titolo e della foto della ragazza resa pubblica come se una persona conosciuta debba per forza essere piu' colpevole di altre ... Avra' detto una cavolata ? Lo scopriremo .... sputare sentenze in anticipo non vi rende umani . Condoglianze alla famiglia del povero ciclista e buona vita alla ragazza .