Bologna, inferno di fuoco, la Procura: «Ipotesi colpo di sonno». Identificato il corpo dell'autista

PER APPROFONDIRE: andrea anzolin, bologna, vittima
Bologna, Conte visita poliziotto eroe. Pm: «Colpo di sonno». La chiamata dell'agente alla Centrale e le richieste di aiuto /ASCOLTA Il cratere visto dall'elicottero
Potrebbe essere stato «un colpo di sonno dell'autista dell'autocisterna o un momento di distrazione» a provocare il rogo di Borgo Panigale, vicino Bolgona. «Ma è ancora troppo presto per dirlo con certezza» secondo il procuratore di Bologna Giuseppe Amato, che ai microfoni del Giornale Radio Rai, ricostruisce le possibili cause dell'incidente di Borgo Panigale.

LEGGI ANCHE Bologna, chi è Rioccardo Muci, l'agente eroe che ha salvato decine di persone dall'inferno di fuoco

Un «dato importante - spiega - è la registrazione delle immagini dell'incidente, dove si vede il tamponamento dell'autocisterna, l'incendio e poi la successiva esplosione». Amato esclude, al momento, la responsabilità di altri: «Mi pare che ci sia un evidente nesso di casualità immediato - ha detto - per cui l'implosione del ponte non è correlata ad un possibile difetto di costruzione, con un mal governo da parte del responsabile, è conseguenza immediata di un evento di devastanti proporzioni quale è quello che si è realizzato».

 

Spiega ancora che «non abbiamo ritenuto di fare nessun tipo di sequestro con l'intenzione già oggi di consentire alla società Aautostrade di ripristinare la circolazione in quel tratto di strada». Amato, infine, ha confermato che, sulla vicenda, è stato aperto un «fascicolo a carico di ignoti dove si ipotizza il disastro colposo e, ovviamente ,il reato di omicidio, lesioni colpose stradali plurime».

L'unica vittima dell'incendio è proprio l'autista Andrea Anzolin, 42 anni, vicentino che lavorava per un'impresa di commercio e distribuzione di carburante della provincia di Vicenza. Era un autista esperto, che da molti anni guidava mezzi che trasportano materiale infiammabile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 7 Agosto 2018, 09:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bologna, inferno di fuoco, la Procura: «Ipotesi colpo di sonno». Identificato il corpo dell'autista
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-08-08 10:33:19
veramente pensavo al ferito, che potrebbe essere a rischio infezioni, spiace non fosse CHIARO
2018-08-08 14:37:16
guarda che l'avevo capito, mica sono copppertone...
2018-08-07 16:20:13
POTREBBE...POTREBBE..... potreste, INVECE, stare ZITTI, fino a che NON AVETE CERTEZZE !!! BASTA con questi VIAGGI PERICOLOSI (da Livorno a Vicenza) per andare a riempire la cisterna di GAS !!! e' una FORTUNA che NON ci siano state CONSEGUENZE ben maggiori !! pensate se davanti, ci fosse stata altra autocisterna carica di identico GAS o di BENZINA !!! per questi trasporti, SERVONO LE SCORTE TECNICHE (soprattutto, come in questo caso, per compiere un viaggio di centinaia di km !!) pero' E' MEGLIO sviare i REALI PROBLEMI e tenerci DISTRATTI con il finto RAZZISMO, ad esempio !! e poi i CONTROLLI, con i dati TEMPESTIVAMENTE snocciolati davanti le TELECAMERE da SUPER DIRIGENTI IN uniforme.....MA SE STATE SEMPRE impegnati a rincorrere LE PREZIOSE RISORSE che entrano ed escono dal CARCERE con la facilita' e frequenza di chi ogni giorno si reca al panificio a prendere il pane quotidiano !!!
2018-08-07 16:19:49
ora l'agente sara' insultato da Vauro e dai compagni dei centri sociali?
2018-08-08 09:04:27
E noi insulteremo Vauto e i compagni dei centri sociali