Turiste minacciate a San Marco dagli abusivi del racket del grano

Venerdì 29 Dicembre 2017 di Giorgia Pradolin
Abusivi a San Marco
77

VENEZIA - «Ci hanno chiesto 80 euro, gliene abbiamo dati 60. Non eravamo d’accordo ma ci hanno circondate e avevamo paura per i nostri bambini».  Cronaca della vigilia di Natale in Piazza San Marco, dove il racket del grano non conosce pause per le feste natalizie. Protagoniste alcune turiste orientali a passeggio con i loro bambini, avvicinate dai venditori stranieri di granturco. Sono proprio loro, le donne orientali e i bambini, le prede preferite degli irregolari, soggetti indifesi con i quali è facile fare la voce grossa per estorcere denaro, soprattutto quando si ha dalla propria parte la forza dei numeri.
 


Le due turiste spiegano di essersi accorte che uno straniero metteva del grano nelle mani dei loro bambini per dar da mangiare ai piccioni, ma credevano fosse un regalo. Ad un certo punto però, i venditori le hanno circondate chiedendo “Money, money!”. Alla richiesta delle sprovvedute “How much?” (Quanto?) gli abusivi hanno sparato la cifra di 80 euro, 20 euro a testa per un pugnetto di mais. E’ scattato il rifiuto delle orientali che però raccontano di esser state circondate. Una scena simile era capitata solo pochi giorni prima, e in piazza purtroppo non è una novità. 

Da un paio di giorni all’ombra del campanile si vedono più vigili urbani a presidiare l’area marciana, grazie all’assunzione dei nuovi 20 agenti. «Durante l’estate la situazione era migliorata molto con i giovani vigili che rincorrevano e fermavano gli irregolari - commenta il commerciante - auspichiamo che tornino a vigilare sulla Piazza».

 

Ultimo aggiornamento: 16:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA