Venezuela, Osa: «Non è escluso un intervento militare». Arrestati tre giornalisti stranieri

Sabato 15 Settembre 2018
Venezuela, Osa: «Non è escluso un intervento militare». Arrestati tre giornalisti stranieri
2

Il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro ha detto che non dovrebbe essere escluso un intervento militare in Venezuela come soluzione alla grave crisi economica, umanitaria e migratoria del Paese sudamericano. «Per quanto riguarda l'intervento militare per rovesciare Nicolás Maduro, non dovremmo escludere alcuna opzione», ha detto Almagro, aggiungendo tuttavia che «le azioni diplomatiche vengono prima di tutto».

In una conferenza stampa nella città colombiana di Cucuta, la più vicina al confine con il Venezuela, il diplomatico, che ha consegnato dollari ed euro agli immigrati che hanno chiesto il suo aiuto, ha accusato il governo di Caracas di perpetrare crimini contro l'umanità e «violazioni dei diritti umani». Il potere venezuelano ha usato «miseria, fame, mancanza di medicine e strumenti repressivi per imporre la sua volontà politica alla gente», ha detto Almagro, sottolineando che «Cucuta esemplifica la denuncia contro la repressione, la fame, la miseria generata dalla dittatura bolivariana».

Sul punto di piangere, i cittadini venezuelani gli hanno quindi chiesto una soluzione per porre fine alla crisi migratoria, in quanto hanno sottolineato che il governo di Maduro li ha spinti a lasciare il loro paese con la forza. «La situazione in Venezuela sarà risolta solo quando la democrazia tornerà», ha confermato il segretario, che ha anche visitato una casa per gli immigrati.

La visita di Almagro, insieme a un comitato tecnico dell'agenzia, ha lo scopo di valutare la situazione nei paesi che ricevono venezuelani migranti e poi preparare un rapporto che include meccanismi di cooperazione che possono essere applicate in questi territori. Almagro è stato accompagnato da José Miguel Vivanco, direttore regionale di Human Right Watch, e dal ministro degli Esteri colombiano Carlos Holmes Trujillo. «È necessario raddoppiare gli sforzi per dare una risposta coordinata all'esodo venezuelano che non ha storia» a livello regionale, ha detto Vivanco in una conferenza stampa.

Intanto due giornalisti britannici e un collega argentino sono stati arrestati dai militari venezuelani nella città di Paraguachón (nord-ovest), al confine con la Colombia. Lo ha denunciato l'Unione Nazionale dei Lavoratori della stampa (Sntp). «I giornalisti Laura Saravia (Argentina), Barney Green et Dan Rivers (Reno Unito) sono stati arrestati nello stato di Zulia, mentre si accingevano a lasciare il paese», ha scritto su Twitter. «Non sappiamo dove siano i giornalisti», che «sono si trovano in Venezuela per produrre un reportage di carattere turistico», ha aggiunto il sindacato, senza specificare per chi stavano lavorando. La data di ingresso dei tre reporter nel paese non è chiara.

Ultimo aggiornamento: 12:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA