Vaccino, Fda approva Johnson & Johnson, Burioni: «Buona protezione»

Mercoledì 24 Febbraio 2021
Vaccino, Fda approva Johnson & Johnson, Burioni: «Buona protezione»

Alla fine il via libera per il vaccino Johnson & Johnson è arrivato, almeno negli Stati Uniti. Gli esperti della Food and Drug Administration (Fda), l'agenzia federale americana che si occupa della regolamentazione dei farmaci, hanno approvato l'uso d'emergenza del vaccino monodose di Johnson & Johnson; si tratta di un passo fondamentale verso l'approvazione definitiva del terzo vaccino sul mercato statunitense. Gli esperto dell'agenzia parlano di una "forte protezione" rilevata con l'uso del vaccino monodose, il 72% di efficacia negli Usa e il 64% in Sudafrica. In media, si tratta del  66.9% dopo 14 giorni dalla somministrazione, e del 66,1 dopo 28 giorni. Si tratta comunque, come nota il virologo Roberto Burioni in un tweet, di una «efficacia complessiva buona, 66% (ma decisamente inferiore a vaccini a mRNA)», che assicura una «ottima prevenzione delle infezioni gravi (meno negli anziani), con dati di sicurezza confortanti».

 

L'analisi della Fda, riporta il Washington Post, ha rilevato che il vaccino previene le malattie gravi che risultano in ospedalizzazioni e decessi. Questo apre la strada ad una probabile autorizzazione al vaccino già a partire da questa settimana. Se autorizzato definitivamente, quello Johnson & Johnson diventerebbe il terzo vaccino impiegato negli Usa. 

Vaccino Covid, quando saranno autorizzati i nuovi prodotti? Il calendario: da J&J a Curevac, da Novavax a Sputnik 5

Vaccino, arriva in Ghana il primo carico di Covax, il siero finanziato dall'Onu

 

«Non sono risultati effetti avversi o problemi nei diversi sottogruppi esaminati, divisi per età, etnia, o precedenti infezioni da  SARS-CoV-2», è scritto nell'analisi del vaccino effettuata dalla FDA. Per questo è stata raccomandata l'approvazione per uso d'emergenza, secondo i protocolli vigenti. La casa farmaceutica si è già impegnata a consegnare 20 milioni di vaccini agli Stati Uniti.

Il vaccino di Johnson & Johnson usa una tecnologia già consolidata, quella che parte dalla modifica degli adenovirus, come il prodotto messo a punto da AstraZeneca. Per l'Europa, ci si aspetta una simile decisione di approvazione, che dovrebbe arrivare verso la metà o la fine di marzo.  Il gruppo francese aveva già siglato un accordo analogo con Pfizer-BioNTech, per la produzione di oltre 125 milioni di dosi.

«AstraZeneca, tagli del 50%», la Ue: «Subito gli altri vaccini»

«In tutta Europa, c'è un urgente bisogno di ulteriori vaccini contro il Covid-19, e la presentazione della domanda di oggi è un significativo passo avanti nel garantire all'Unione Europea un'altra opzione per
contribuire a ridurre l'impatto della pandemia in Europa e nel mondo», aveva dichiarato lo scorso 17 febbraio Paul Stoffels, Vice Presidente del Comitato esecutivo e Chief Scientific Officer di Johnson & Johnson, all'indomani della richiesta di immissione al commercio del vaccino messo a punto dalla controllata Janssen all' Ema. La  Sanofi di recente ha stretto un accordo con l'azienda americana, per aiutarla nella produzione del vaccino. Il gruppo francese aveva già siglato un accordo analogo con Pfizer-BioNTech, per la produzione di oltre 125 milioni di dosi.

Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio, 09:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA