Netflix, madre disperata: «Mia figlia suicida dopo aver visto Tredici, la serie va vietata»

PER APPROFONDIRE: figlia, netflix, serie tv, suicidio, tredici
Netflix, madre disperata: «Mia figlia suicida dopo aver visto Tredici, la serie va vietata»
«Mia figlia si è suicidata dopo aver visto la serie Netflix Tredici. Dovrebbe essere vietata». Lo sfogo è della mamma di Jessica Scatterson che si è tolta la vita a soli 12 anni e ha lasciato un messaggio in cui ha spiegato i suoi “sei motivi per uccidersi”, come la protagonista di 13 Reason Why. È successo a Warrington, nel Cheshire, in Inghilterra. Il fatto risale al 2017, ma la madre della ragazzina inglese, Rachael Warburton, ha deciso solo adesso di rilasciare interviste alla stampa straniera, per mettere in guardia i genitori e lanciare loro un appello. «Jessica stava guardando la serie tv con i suoi amici e ha elencato i sei motivi per cui voleva morire - ha dichiarato Rachel al Mirror - dovrebbe essere vietato, perché mia figlia lo guardava e spinge i ragazzi all’autolesionismo».

LEGGI ANCHE ...>  Netflix, serie sotto accusa: suicidi tra i ragazzi aumentati del 30%

 
L’inchiesta sulla morte della ragazza ha rivelato che lei e le sue amiche si erano auto inflitte dei tagli superficiali a forma di lettere sulle gambe. Il padre di Jessica ha scoperto il suo corpo senza vita nella sua camera da letto. Nella stessa stanza è stata trovata la lama di un temperamatite, degli scritti con riferimenti al suicidio - con su riportato il nome di un presunto bullo - e un disegno che ritrae un atto suicida. La dodicenne si è tolta la vita tre settimane dopo aver visto la serie. Secondo il Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, riporta il Daily Mail, dopo il rilascio di “Tredici” i suicidi tra gli adolescenti sono aumentati del 30%. Un portavoce di Netflix ha difeso la produzione:
«È un argomento di fondamentale importanza e abbiamo lavorato sodo per garantire al pubblico la gestione di questo problema in modo responsabile».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 6 Maggio 2019, 13:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Netflix, madre disperata: «Mia figlia suicida dopo aver visto Tredici, la serie va vietata»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-05-07 13:49:16
13 è la versione televisiva dela famigerata pratica del blue whale, andrebbe chiuso senza se e senza ma.
2019-05-07 12:25:32
Concordo che ci sono ormai programmi che incidono nel cervello dei minori falsi miti, idolatria e a volte depressione, ma il genitore ha il dovere di controllare ed eventualmente spegnere la tv. Esistono anche i parental control... ma chissà come si usano dirà qualcuno... Ma quando questi genitori usano Whatsapp e Facebook sono dei geni, i migliori al mondo, imbattibili.
2019-05-07 09:09:29
Il controllo di ciò che vedono i figli spetta ai genitori.
2019-05-07 06:17:35
Ho visto entrambe le stagioni e la mia impressione invece è che la serie affronti in maniera approfondita la tematica del bullismo e dell'isolamento adolescenziale. Anzi al contrario di quanto è scritto in questo articolo credo che la serie offra alcuni suggerimenti a coloro che anche inconsapevolmente provocano disagi ad altri ragazzi.
2019-05-07 00:30:34
Le serie televisive sono di una violenza inaudita. Il cadavere smembrato all'obitorio è una scena normale.