Putin sotto pressione, la furia delle madri e delle mogli dei soldati (che già influenzarono la guerra in Cecenia)

I sondaggi di opinione mostrano che il sostegno alla guerra è diminuito dai massimi raggiunti nei primi mesi, prima che la controffensiva dell'Ucraina costringesse le truppe russe a cedere vaste aree di territorio

Giovedì 24 Novembre 2022 di Simone Pierini
Putin, la furia delle madri e mogli dei soldati (che già influenzarono la guerra in Cecenia): lo zar costretto ad ascoltarle

C'è un movimento in Russia che mette in ansia il presidente Vladimir Putin più di ogni dissenso interno. Si tratta delle madri e delle mogli dei soldati inviati al fronte. Il motivo? La loro influenza già in passato aveva condizionato le mosse del Cremlino, come nel caso della guerra in Cecenia. E nel disperato tentativo di salvare i loro figli e mariti dal fronte in Ucraina, le donne russe ora sono tornate a fare pressione su Mosca in quello che rappresenta nell'ultimo segnale di un malcontento diffuso causato dalla guerra. Gli sforzi sparsi di mogli e madri sono decollati dopo che Vladimir Putin ha ordinato a 300.000 riservisti di recarsi al fronte lo scorso 21 settembre, costringendo le autorità a prestare attenzione. I governatori regionali hanno incontrato le attiviste e hanno promesso di aiutarle. Anche il presidente russo ha in programma di tenere un incontro con loro già questa settimana.

Putin, la protesta delle madri dei soldati

Mentre la guerra si avvicina al suo nono mese, gli sforzi di Putin per proteggere la sua popolazione dai costi dei combattimenti si stanno esaurendo e il Cremlino sta correndo per ridurre l'impatto dove può. Le autorità promettono denaro e altri benefici per le famiglie dei soldati e si impegnano ad assicurarsi che siano adeguatamente attrezzati e curati. Secondo i dati raccolti da Verstka, un media indipendente, le proteste contro l'invio al fronte dei riservisti hanno avuto luogo in almeno 15 regioni, con la più grande vicino al confine con l'Ucraina. Le richieste delle famiglie in genere non sono politiche, ma si concentrano sull'assicurare che i loro uomini ricevano una formazione e attrezzature adeguate e siano assistiti al fronte.

 

La situazione al fronte

Putin ha ammonito i funzionari all'inizio di questo mese per assicurarsi che le preoccupazioni vengano affrontate, promettendo di «parlare personalmente con le persone per ottenere un feedback» sulla situazione. I governatori di alcune regioni vicino al confine con l'Ucraina hanno promesso aiuti, anche se gli attivisti hanno affermato che finora i risultati sono stati limitati. Altri funzionari hanno respinto gli appelli, affermando che i soldati al fronte sono «vivi e vegeti».

Il precedente in Cecenia

I sondaggi di opinione mostrano che il sostegno alla guerra è diminuito dai massimi raggiunti nei primi mesi, prima che la controffensiva dell'Ucraina costringesse le truppe russe a cedere vaste aree di territorio. L'ansia è aumentata all'annuncio della mobilitazione, che ha innescato un esodo di ben mezzo milione di russi dal Paese. Le madri dei soldati per decenni hanno rappresentato una potenza politica in Russia. Il movimento si è rafforzato negli anni 90, cercando di riportare indietro i soldati inviati a combattere nella regione della Cecenia. Questa volta, un gruppo che afferma di rappresentare le famiglie ha dichiarato di avere sostenitori in 89 città.

Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 11:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci