Prigozhin «curato per un tumore all'addome», la stanza anti-Covid e la dieta rigorosa del capo della Wagner: cosa sappiamo

Chi è davvero Yevgeny Prigozhin e quali sono le sue origini? La storia dell'uomo che da criminale di strada diventò il cuoco dello zar e poi leader della rivolta Wagner

Mercoledì 12 Luglio 2023
Prigozhin «curato per un tumore all'addome», dallo spionaggio dei capi di Stato nel suo ristorante alla Wagner: la carriera criminale di Jaco

Dopo quasi tre settimane dalla fine della ribellione di Yevgeny Prigozhin, molti si chiedono ancora come sia stato possibile tutto ciò. La risposta è più semplice di quanto possa sembrare: per decenni Prigozhin, un criminale definito «crudele e fuori controllo», ha violato molte leggi dello stato russo ma non è stato punito per questo. Tutto ciò grazie anche alla partecipazione di Vladimir Putin: i due sono molto amici - o almeno lo erano.

Nel frattempo, Evgheny Prigozhin e la sua Wagner sono stati riabilitati da Vladimir Putin, scrive il quotidiano russo Nezavissima Gazeta secondo cui quello che era stato presentato come un ammutinamento armato viene ora descritto, dai commentatori filo Cremlino, come una umile richiesta in forma di ammutinamento. Ma materiale compromettente su Prigozhin viene presentato in diversi servizi delle televisioni pubbliche. E questo segnala uno scontro fra le elite.

Le origini de «Il cuoco di Putin»

All'inizio della sua carriera, Prigozhin era un furfante, membro di una banda. Si narra che uccise una donna per una sigaretta uccise un donna: la afferròa dietro per il collo e la soffocò. La donna perse conoscenza, poi i rapinatori della banda le hanno tolto stivali e orecchini. I criminali furono tutti arrestati. Alla fine del 1981, il tribunale popolare di Zhdanovsky condannò Prigozhin a 13 anni di carcere. Jaco, come era soprannominato all'inizio, festeggiò il suo 19esimo compleanno in prigione. 

 


In una delle prime grandi interviste del 2011, Prigozhin, rispondendo a una domanda sulle sue origini, ha ricordato come vendeva hot dog al mercato dell'abbigliamento di Apraksin Dvor a San Pietroburgo. Non ci sono altre prove attendibili della veridicità di questo episodio, ad eccezione delle parole dello stesso ex criminale. Ma è noto per certo che poco dopo essere tornato dalla prigione, Prigozhin ha lavorato al mercato automobilistico di Energetikov Avenue, una piattaforma commerciale spontanea accanto a una stazione di servizio. 

La carriera nella ristorazione

Alla fine del 1995, Prigozhin aprì il ristorante la «Vecchia dogana», vicino allo spiedo dell'isola Vasilyevsky. Per i primi mesi il locale era vuoto, anche le spogliarelliste appositamente invitate a correggere la situazione non hanno aiutato. Nello stesso periodo, il vice di Sobchak, Vladimir Putin, è apparso per la prima volta nel ristorante. Ma il principale trampolino di lancio per l'ex criminale è stata New Island, aperta nel 1997, l'ex barca da diporto Moskva-177, che Prigozhin ha trasformato in un ristorante galleggiante e l'ha collocata su Rumyantsevsky Spusk, con vista sulla Cattedrale di Sant'Isacco e sull'Ammiragliato. 

«Vladimir Putin ha visto come ho fatto affari con il mio camioncino. Ci siamo incontrati quando è arrivato con il primo ministro giapponese Mori, poi con Bush», così ha risposto lo stesso Prigozhin alla domanda sull'incontro con il presidente. Per aiutarlo ad avvicinarsi al capo dello Stato, da San Pietroburgo arrivò anche Vladimir Kozhin, responsabile degli affari di Putin . 

Così Prigozhin è diventato «il cuoco di Putin».

Nell'autunno del 2010, Prigozhin ha aperto una fabbrica di alimenti precotti vicino a San Pietroburgo: a inaugurarla fu proprio Putin. Ma il cuoco, a quanto pare, era attratto dalla politica. 

I primi passi nella politica

La «Fabbrica dei Troll» è stato il primo grande progetto politico di Prigozhin. Secondo la ricostruzione dei media, l'ha creata dopo dei colloqui con Vyacheslav Volodin, l'attuale Duma di Stato, la camera bassa dell'Assemblea federale della Federazione Russa.

Siamo nel 2010. 

Con il passare del tempo Prigozhin era sempre più alla ricerca di fama e pubblicità.  Per comunicare con i giornalisti, ha persino ottenuto un pubblico speciale su VKontakte, il Facebook russo. Ma l'ex criminale aveva bisogno di un esercito. Detto fatto: Putin gli consegnò le milizie richieste 

La nascita del Gruppo Wagner 

Del gruppo Wagner si è parlato per la prima volta nel 2015, quando la compagnia era alla ricerca di combattenti per partecipare a un'operazione militare in Siria. Una fazione del gruppo di mercenari, controllata dall'ex colonnello del GRU Dmitry Utkin, partecipò a battaglie nelle regioni di Donetsk e Lugansk. Il gruppo Wagner compì missioni anche in Africa. Le strutture di Prigozhin erano presenti in almeno 13 paesi africani: erano sia mercenari che strateghi politici che aiutavano i leader locali a prendere o mantenere il potere.     

Putin, dagli uomini della Wagner al nazionalista Utkin e al capo dell'intelligence russa Kostyuko. Chi sono le figure chiave della «guerra civile»

Prigozhin era costantemente impegnato in progetti africani. Ogni giorno convocava i suoi uomini nella Repubblica Centrafricana, Ciad, Congo, Sudan, Siria e Libia.  In Sudan, i «prigozhiniti» potrebbero persino aver provocato la guerra civile.

Il tumore

I timori di Prigozhin per il coronavirus sono comprensibili: è stato a lungo curato per un cancro addominale e si è sottoposto a una seria terapia . «Aveva il cancro. Ora il processo di formazione del tumore sembra essersi fermato», dice uno degli interlocutori del Progetto. A causa di una malattia, Prigozhin segue una dieta rigorosa e conduce uno stile di vita sano: ad esempio, uno dei suoi dipendenti a lungo termine ha visto solo una volta lo chef bere un bicchiere di limonata.

 

I malumori che hanno portato alla rivolta

Il conflitto con il Ministero della Difesa è iniziato molto tempo fa - almeno 6 anni fa. Prigozhin non poteva perdonare Shoigu e i suoi generali di essersi presi tutti gli allori per il secondo assalto alla Palmira siriana in 2017, di cui protagonista fu il gruppo Wagner.  Nel 2021 Prigozhin ha persino colpito uno dei generali di Shoigu durante una riunione. 

Anno 2023. Ciò che ha scatenato la ribellione armata è stata la dichiarazione del 10 giugno del Ministero della Difesa secondo cui i combattenti Wagner avrebbero dovuto firmare contratti con l'esercito russo. La mattina del 23 giugno, mezza giornata prima dell'inizio della rtivolta, diversi alti dirigenti delle strutture di Prigozhin hanno lasciato San Pietroburgo. Tuttavia, gli uomini vicini a Prigozhin tendono ad attribuire l'inizio della ribellione quando il loro leader ha detto Capo: «Basta, non ci sto più».

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio, 10:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci