Agente spara a un pitbull per difendersi, la padrona del cane: «Giustizia»

Lunedì 17 Settembre 2018
Agente spara a un pitbull: l'animale sopravvive ma resterà disabile. La padrona: «Giustizia»
8
Sono le 2.15 del mattino quando la polizia di Grand Rapids, Michigan, riceve la segnalazione di un cane che abbaia e disturba un intero quartiere. Le forze dell'ordine intervengono immediatamente sul posto e - non appena l'animale si avvicina - un agente gli spara, colpendolo alla faccia e al petto. Il tutto è stato ripreso dalla "body cam" dell'agente e il video è stato pubblicato su Facebook dalla stessa polizia di Grand Rapids. Il cane, un esemplare femmina di pitbull, è sopravvisuto ed è immediatamente scappato via. 



La padrona dell'animale, che al momento dei fatti era a lavoro, è venuta a conoscenza dell'accaduto soltanto ore dopo, avvertita proprio da una vicina di casa. «Pensavo fosse morta quando l'hanno portata a casa - ha dichiarato la donnna - era in pessime condizioni, non è mai stata aggressiva». Youneek, questo il nome del pitbull, è stata ritrovata in un cantiere quasi agonizzante, mentre cercava riparo. La polizia ha dichiarato di aver fatto il possibile per catturare l'animale senza fargli del male, ma l'agente ha dovuto sparargli per tutelare la propria incolumità.



Nonostante le gravi ferite, le condizioni di Youneek sono adesso stabili, ma i veterinari dovranno presto amputarle una zampa. Per sostenere le spese medice, la padrona ha avviato una raccolta fondi su internet e non si rassegna: «Adesso Youneek è un cane disabile e dovremo prenderci cura di lei. La polizia non ha nessuna scusa, non poteva spararle mentre si trovava nella sua proprietà. Voglio giustizia per il mio cane».

Ultimo aggiornamento: 19:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA