Imam raggirato, scopre che la moglie è un uomo dopo due settimane di matrimonio in Uganda

Martedì 14 Gennaio 2020 di Alix Amer
Imam raggirato, scopre che la moglie è un uomo dopo due settimane di matrimonio
5

Un imam che ha inconsapevolmente sposato un uomo in un matrimonio islamico (Nikah) è stato sospeso. Mohammed Mutumba, della moschea Masjid Noor di Kyampisi nel distretto di Kayunga, nell’Uganda centrale, è stato momentaneamente sospeso dal suo ruolo in attesa delle indagini «per ricostruire la truffa subita». Secondo uno dei capi locali Kadhi Sheikh Abdul Noor Kakande, la mossa di sollevarlo dall’incarico temporaneamente «ha lo scopo di preservare l’integrità della fede».
 

 

Ma riavvolgiamo il nastro della vicenda.  Due settimane prima, Mutumba ha scambiato i voti con la sua “moglie” Swabullah Nabukeera dopo essersi incontrati nella moschea di Kyampisi. Tutto sembrava come sempre aveva sognato. «Stavo cercando una donna da sposare quando ho visto una bellissima ragazza che indossava un hijab, le ho chiesto di vederci e lei ha accettato. Ci siamo innamorati, tuttavia, mi ha detto che non avremmo potuto fare sesso fino a quando non consegnavo la dote ai suoi genitori e ci saremmo scambiati i voti matrimoniali».

Durante l’attesa le cose hanno preso una svolta piuttosto strana. Il vicino di Mutumba ha accusato la moglie appena sposata di aver scavalcato un muro per rubare vestiti e un televisore.

La questione è stata denunciata alla stazione di polizia di Kayunga e gli agenti sono intervenuti per arrestare Nabukeera. Secondo il funzionario, Isaac Mugera, la donna indossava un hijab e sandali femminili quando è stata arrestata. «Come da prassi normale della polizia, una agente donna, ha perquisito accuratamente l’indagata prima di portarla nelle celle. Tuttavia, con grande sorpresa della poliziotta, abbiamo scoperto che era un uomo a tutti gli effetti. Abbiamo rapidamente informato il marito che l’aveva accompagnata alla stazione di polizia ed era fuori ad aspettare». Sconvolto dalla rivelazione, Mutumba ha chiesto di fargli vedere Nabukeera per provare davvero che aveva sposato un uomo. Una volta accertata la situazione ha lanciato un urlo e lo ha accusato di truffa. Durante gli interrogatori, Nabukeera ha raccontato che il suo vero nome è Richard Tumushabe e che ha ingannato Mutumba per ottenere i suoi soldi. È stato  accusato di raggiro, furto e ottenimento di beni con false generalità.
I vicini dell’Imam hanno raccontato: «La sposa ha fatto tutte le faccende domestiche cucinato, lavato si è presa cura della casa. Parlava dolcemente, insomma sembrava davvero una donna. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che il suo intento era altro».  

Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio, 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci