Isis, nuovo video dell'orrore: militare siriano legato a un albero e bruciato

PER APPROFONDIRE: isis, uccisione, video
Isis, nuovo video dell'orrore: militare siriano legato ad un albero e bruciato
Un nuovo video dell'orrore è apparso sul web dal sedicente Stato islamico. Un militare siriano viene incatenato a un albero. Ha la tunica rossa dei prigionieri dell'Isis. Poi la drammatica sequenza: i jihadisti gli danno fuoco. Poi, lo si sente urlare di dolore, prima che il suo corpo venga carbonizzato. Secondo le indicazioni contenute nel filmato, il militare ucciso barbaramente è il maggiore Azzam Eid, catturato un anno fa. Non è chiaro quando il filmato sia stato girato, e dove, poiché l'Isis non lo precisa. Nel video sono incluse vecchie immagini di combattimenti di miliziani dell' Stato islamico in Siria e Iraq. Nell'aprile dello scorso anno l'Isis aveva diffuso un video in cui si poteva vedere il presunto abbattimento di un caccia siriano ad est di Damasco.

Nel filmato si afferma che il pilota era stato catturato vivo. Da allora, del maggiore Eid non si è saputo più nulla. Il nuovo filmato è simile a quello diffuso a gennaio del 2015 in cui si può vedere il pilota giordano Muath al-Kaseasbeh arso vivo in un gabbia al centro di Raqqa, poche settimane dopo che il suo jet F-16 era stato abbattuto nella stessa zona. Nelle ultime settimane, nonostante la disfatta in Siria e Iraq, si sono moltiplicati i proclami dell'Isis e i video di propaganda online. I sostenitori del gruppo, scrive il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, nelle ultime ore hanno lanciato appelli per attacchi durante le festività nelle principali capitali europee. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 2 Dicembre 2017, 20:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Isis, nuovo video dell'orrore: militare siriano legato a un albero e bruciato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-04 09:20:38
Ma poi chi li combatte (per davvero non con delle manifestazioni, sfilate, prediche) da noi AJA(o Ahia?) viene considerato "criminale di guerra"