Donna di 61 anni partorisce una bambina per il figlio gay e il suo compagno: «È il dono di una madre»

PER APPROFONDIRE: figlio, gay, parto
Donna di 61 anni partorisce una bambina per il figlio gay: «È il dono di una madre»
«Volevo farlo come un dono di una madre a suo figlio»: così Cecile Eledge, 61 anni, ha commentato la nascita di una bambina concepita in vitro che ha messo al mondo in Nebraska per conto del figlio gay Matthew, sposato con Elliott Dougherty. È la prima bambina al mondo partorita da sua nonna, con una fecondazione artificiale che ha coinvolto anche la sorella di Dougherty.
Le foto sono state pubblicate sul profilo Facebook della fotografa Ariel Panowicz


Gay aggredito in strada dal "branco" di minorenni: insulti, calci e pugni
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 7 Aprile 2019, 16:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Donna di 61 anni partorisce una bambina per il figlio gay e il suo compagno: «È il dono di una madre»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 129 commenti presenti
2019-04-09 11:10:49
@ Binariciuto, buongiorno carissimo. Ho riascoltato l'altra sera un discorso della filosofa Hannah Arendt, quello famoso che trova anche su YouTube, sulla banalità del male riferita al processo di Adolf Eichmann. E mi pare, con tutte le dovute proporzioni, che possa essere applicata anche in questo caso, oppure se vuole, anche in questo periodo storico dove tutto è relativizzato. La passiva accettazione di una qualsiasi idea, per quanto odiosa e discriminante...cioè sta passando di tutto e di più in nome di una non meglio precisata libertà individuale.... Il solito discorso no? "a te cosa cambia?" Manca il senso critico, addirittura il pensiero. Come i peggiori nazisti, si fa per due ragioni, o per obbedire ad un ordine (ideologia) o perché non frega niente (non mi tocca). Questo toglie ogni freno morale ed etico... Non è un bel avvenire per i nostri figli e nipoti. Quello che spero è che ci sia la parte buona che si ribellerà e non accetterà supinamente questo obbrobrio. Ho letto di suor Lucia....e ancor di più dell'allora cardinale Ratzinger...vedremo, ma intanto si "combatte". Cordialissimi saluti
2019-04-08 19:58:21
... abominio.. illogico, irrazionale, innaturale. osceno..
2019-04-08 19:23:53
@Fiocchi: si tenga presente che anche il dr. Mengele, all'inizio. era convinto di fare del bene ed era partito con esperimenti del tutto innocenti, poi le cose degenerarono nell'orrore piu' completo: si voleva selezionare una razza perfetta: persone forti, bionde, occhi azzurri.....La manipolazione che ora si vuol fare con l'utero in affitto in una donna di oltre sessant'anni, un bimbo con due mamme o due papa' omosessuali: l'imbarbarimento umano ed etico verso cui il biobusiness della riproduzione artificiale ci sta gettando: e' proprio una tragedia, le conseguenze piu' gravi le pagheranno i bambini piccoli usati come bambole giocattolo per dimostrare l'onnipotenza di certe persone. Il congresso a Verona sulla famiglia tradizionale: una cosa da medioevo? Si un un feto di plastica e' fuori luogo, tuttavia al posto di certe aberrazioni preferisco la famiglia tradizionale: mamma, papa' e figli, fino a ora la famiglia così non ha mai creato orrori alla Mengele. Tra poco si elogera' la pedofilia, la zoofilia, la necrofilia e altre prelibatezze.
2019-04-08 20:01:22
Ma guardi che io sono d'accordo con lei su tutta la linea per quanto riguarda la famiglia e il concetto stesso di famiglia ... Solo che trovo il paragone con mengele azzardato, seppur, come ho scritto, in linea di principio tiene. Azzardato perché mengele è stato qualcosa di inimmaginabile, indicibile, imparagonabile.
2019-04-09 10:00:12
In piazza Duomo una enorme poltrona con un corpo di donna trafitto in mille punti rappresenta una verità tanto marginale quanto esagerata, il piccolo feto invece rappresenta una verità dolorosa ma tragicamente presente quotidianamente. Tra le due rappresentazioni quale è fuori luogo?