Fisco, sconti Irpef solo per chi usa il bancomat o la carta unica

Fisco, sconti Irpef solo per chi usa il bancomat o la carta unica

di Andrea Bassi e Luca Cifoni

Per Giuseppe Conte quello allo studio è un «provvedimento complessivo, risolutivo, mai pensato in passato». In Italia la storia delle manovre economiche è piena di annunci altisonanti contro l'evasione fiscale, che poi hanno lasciato sostanzialmente intatte le dimensioni del fenomeno. Ma stavolta per il governo mettere insieme il più risorse possibile da questa voce è un'esigenza vitale, visto che gli spazi per i tagli di spesa sono ridotti e altri incrementi di imposta sarebbero politicamente difficili da gestire. 

Pagamenti elettronici, +6.8% nel 2018. Il contante costa 24 miliardi l'anno

La direzione di marcia è quella della spinta all'uso della moneta elettronica e alla tracciabilità dei pagamenti, ma per conseguire questo obiettivo gli incentivi per gli esercenti e la riduzione delle commissioni (destinate a scendere a zero per importi fino a 5 euro) potrebbero non bastare. Di qui l'idea di attivare un meccanismo di contrasto di interessi, che renda conveniente per i contribuenti la rinuncia al contante. E la convenienza scatterebbe senz'altro se il ricorso agli strumenti elettronici diventasse la condizione per poter fruire delle attuali detrazioni Irpef, sulle spese mediche, universitarie e tutte le altre. Insomma, lo sconto fiscale del 19% spetterebbe solo a chi usa una carta elettronica per pagare il medico, la palestra dei figli, le spese funebri o quelle dell'università. Chi paga in contanti perderebbe il diritto alla detrazione.

Si tratta in fondo dello stesso meccanismo già sperimentato con le agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico, oggi riconosciute solo se il pagamento avviene con bonifico bancario. Naturalmente non si può chiedere di andare allo sportello (o utilizzare l'home banking) anche per i versamenti di importo più piccolo: la strada è quindi quella delle carte elettroniche, di credito o bancomat. Vista da un altra angolazione, si tratta di un'estensione del sistema della fatturazione elettronica, che scatterebbe nello stesso momento del pagamento, mentre attualmente le due fasi sono separate.
 

La principale obiezione a questa impostazione riguarda la difficoltà per le persone anziane o comunque abituate all'uso del contante. Per superarla, l'esecutivo punta sul progetto di carta unica. Come ha spiegato il sottosegretario all'Economia Alessio Villarosa l'attuale carta di identità elettronica dovrebbe assorbire nel medio periodo la tessera sanitaria, l'identità digitale, la patente e forse anche la tessera elettorale e il badge dei dipendenti pubblici.

LE NUOVE FUNZIONI
Ma verrebbe dotata anche di una funzione di pagamento (oggi comunque già virtualmente possibile) per operare come una sorta di borsellino elettronico. Non servirà necessariamente disporre di un conto corrente bancario, perché la card verrebbe collegata ad un più semplice conto di pagamento (per il quale con la legge di bilancio scatterebbe l'esenzione dall'imposta di bollo) e avrebbe la possibilità di essere caricata anche dal tabaccaio.
Il piano è ambizioso, viste le criticità che hanno accompagnato l'avvio dell'attuale carta di identità elettronica. «Ho già avviato il confronto preparatorio con tutti soggetti interessati, dal ministero dell'Interno al Dipartimento Finanze, dalla Sogei al Poligrafico dello Stato, dalla Banca d'Italia all'Abi» spiega Villarosa. E sulla fattibilità del progetto «non sono emersi problemi particolari». Tra gli altri strumenti anti-evasione su cui si ragiona in queste ore c'è anche l'inserimento dei alcuni tributi nella bolletta elettrica, dopo i buoni risultati ottenuti su questo fronte con il canone Rai. In prima fila ci sarebbero tasse locali come Imu, Tasi e Tari. L'altra novità sarebbe l'idea di restituire ogni anno una parte dei proventi dell'evasione in una sorta di «restitution day» (si parla del 31 ottobre). Un modo per dare ai contribuenti onesti un riconoscimento tangibile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 25 Settembre 2019, 07:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fisco, sconti Irpef solo per chi usa il bancomat o la carta unica
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2019-09-25 19:03:15
Ruzante, a me non è mai successo. E pago tutto, a parte il caffè e le caramelle, con carte.
2019-09-26 01:23:43
E invece, proprio oggi in tutta la zona commerciale di S.Donà, benzine comprese, non si poteva pagare con bancomat ecc.
2019-09-25 19:01:10
Tu paghi come ti è permesso dalla legge di fare. Chiaro?
2019-09-25 18:32:13
e' nel mio pieno diritto di pagare come mi pare chiaro?? e questo vale per tutti senza la minima penale, come Germania ecc... ecc... ecc...
2019-09-25 14:47:18
Prego ritirare commento