È di un 28enne suicida il corpo decapitato sulla ferrovia Bassano-Venezia

PER APPROFONDIRE: bassano-venezia, cassola, suicidio, treno, vicenza
È di un 28enne suicida il corpo decapitato sulla ferrovia Bassano-Venezia

di Vittorino Bernardi

CASSOLA - Giallo risolto sul macabro ritrovamento alle 7.30 di lunedì 6 novembre del corpo di un uomo con la testa decapitata a un centinaio di metri a nord della stazione ferroviaria, nella frazione San Zeno, in via Monte Asolone: si tratta di suicidio. La vittima è un 28enne di Rossano Veneto che pare soffrisse di depressione. A effettuare il riconoscimento attraverso degli effetti personali è stato il padre, nella caserma dei carabinieri di Rosà. Dalla ricostruzione degli inquirenti il giovane nel corso della notte tra domenica e lunedì avrebbe raggiunto a piedi i binari per gettarsi sotto un treno in  transito.

Mercoledì 8 Novembre 2017, 08:29




Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
È di un 28enne suicida il corpo decapitato sulla ferrovia Bassano-Venezia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-11-10 09:11:29
Morire di propria mano giovani, significa che la società tutta è fallita. Non giustifica il fatto che i suicidio ci siano sempre stati.e' ipocrisia. Oggi con il livello culturale medio alto benessere e agevolazioni benefici, ecc. Ci siamo dimenticati di guardare chi abbiamo accanto. Questo giovane, questi giovani soprattutto poco più che adolescenti, che si arrendono, ma non solo loro, sono l esito del nostro singolo e globale fallimento!!
2017-11-08 10:35:59
è sempre triste constatare il fallimento del mondo... è vero ci sono sempre stati i suicidi, ma mai come ora. Possa Iddio dare a quest'anima la pace che non ha trovato in questa vita. Al povero padre che ha dovuto effettuare il riconoscimento della salma vadano le mie condoglianze .R.I.P.
2017-11-08 11:15:55
i suicidi ci sono sempre stati, adesso sembrano aumentati perché, quando una volta non venivano sepolti in terra consacrata, si inventavano storie fantasiose per negare l'evidenza
2017-11-08 11:38:32
tutto è possdibile, comunque un progetto di vita fallito.....tutto cio' sembra in contrasto con le effimere conquiste di quest'epoca.... adesso è vietato vietare... eppure non basta....
2017-11-08 09:00:05
era ovvio che si trattava di un poveraccio con la depressione. solo che il macabro lo hanno aggiunto gli altri. faceva notizia anche senza nominare la testa.