Sabato 18 Agosto 2018, 08:49

Carrozzeria aspetta 20 anni per farsi ​pagare dal ministero. Poi l'ultima beffa

PER APPROFONDIRE: carrozzeria, pagamenti, privati, stato, thiene
Carrozzeria aspetta 20 anni per farsi pagare dal ministero. Poi l'ultima beffa

di Angela Pederiva

Un caso emblematico della difficoltà, per un'impresa privata, di lavorare per la committenza pubblica. È quello raccontato dalla sentenza, depositata nei giorni scorsi, con cui la Cassazione ha respinto il ricorso di una carrozzeria di Thiene contro il ministero dell'Interno e la prefettura di Vicenza. Al termine di una battaglia quasi ventennale, combattuta per ricevere il pagamento dell'attività di custodia dei veicoli sottoposti a fermo o a sequestro da parte della polizia stradale, la ditta si è vista riservare l'ultima beffa: i 58 decreti ingiuntivi ottenuti in questi anni saranno considerati come se fossero uno solo, quanto a onorari e spese legali.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Carrozzeria aspetta 20 anni per farsi ​pagare dal ministero. Poi l'ultima beffa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-08-19 08:39:18
per lo stato non si lavora, MAI, o lo si fa da dipendente statale o è meglio non lavoraci mai assieme, mi basta fare il socio forzoso, a questo ci sono voluti 20 anni per capirlo? ...e magari ha anche il diritto di voto.
2018-08-19 07:05:22
I cittadini di una Repubblica sono a volte trattati come servi dellagleba, ovvero tenuti a lavoro gratuito. Di sicuroper avere ragione avra' speso piu' dell'importo spese legali ed ora la beffa.Molti infatti rinunciano per un bilancio costi.benefici, che ora va tanto di moda.
2018-08-20 09:33:10
In più è stato obbligato a avanzare l’iva. La repubblica dei mentecatti.
2018-08-18 22:18:20
mi sembra ovvio che avevano un contratto unico per tutte le auto e non facevano un contratto ogni volta. hanno tentato il giochino, e poi si lamentano che i tribunali sono intasati.
2018-08-18 12:47:38
In punta di diritto la sentenza della Corte non fa una piega! Evidentemente gli avvocati della carrozzeria hanno preso un abbaglio!