Travolta in bici da un auto vola per 20 metri e muore sul colpo a 38 anni

Travolta in bici da un'auto vola per 20 metri e muore sul colpo a 38 anni
TORRI DI QUARTESOLO - Ancora sangue sulle strade del Vicentino. Nella notte  in via Roma una donna di 38 anni in sella a una bicicletta è stata travolta e uccisa da un’auto. La vittima è Iliana Lacastus, di origini romene ma da tempo in Italia. Stava pedalando su via Roma, arrivata in prossimità dell’incrocio con via Europa, dove abitava, si è spostata sulla sinistra: è stata travolta alle spalle da un’auto condotta da un uomo di Camisano.

L’impatto è stato violento, caricata sul cofano Iliana ha sfondato il parabrezza prima di compiere un volo di una ventina di metri e cadere sull’asfalto. L’allarme al 118 è stato immediato, i sanitari del Suem giunti sul posto nulla hanno potuto fare se non constatare il decesso della donna per le gravi lesioni riportate nell’impatto con l’auto.

Per i rilievi sono intervenuti i carabinieri di Longare che stanno ricostruendo l’esatta dinamica del sinistro.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 11 Novembre 2017, 07:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Travolta in bici da un auto vola per 20 metri e muore sul colpo a 38 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-11-11 15:37:50
come al solito ci risiamo, in Italia sempre la colpa delle biciclette e mai delle auto, se gli automobilisti rispettano la velocita' fanno in tempo a fermarsi anche se la bicicletta e' poco visibile, invece tutti hanno fretta [ impazienti] corrono come dannati e peggio ancora usano il telefonino
2017-11-11 12:54:53
gianfri 54, i ciclisti andrebbero fermati anche di giorno e controllato se le luci sono in regola. non esiste un codice per le bici di giorno ed un codice per le bici di notte. ed anche tutti quelli con bici da corsa andrebbero multati se non hanno i fanalini. mi pare che possano circolare senza solo per allenamento e se sono iscritti ad un gruppo sportivo. cosa che solo il 10% di quelli che circolano sarà.
2017-11-11 11:18:28
Evidentemente per questa vittima il costo del faretto posteriore (da pochi euro a 35 come il mio) era troppo! Il mio e' potentissimo (con 5 modalita' di luce e 8 led) e ricaricabile, lo tengo sempre acceso lampeggiante anche di giorno e le auto mi vedono molto bene. Dovrebbero infatti essere obbligatori anche di giorno, ma non lo sono. R.I.P.
2017-11-11 11:14:58
Invece di preoccuparsi tanto di giubbini e fanali, dato che la strada di notte è illuminata quasi a giorno, mi preoccuperei, dato che c'è il limite di 50 Km/h, a quanto andava quell'auto per scaraventarla a 20 m?
2017-11-11 19:22:06
Giusto guardare a quanto andava l'auto, ma non meno importanti sono i fari delle biciclette. Girando di sera, io ne vedo di tutti i colori. Cosa costerà poi accendere i fari? Il più delle volte i ciclisti non accendono i fari per pura pigrizia, sfidando la sorte. Se poi succedono delle conseguenze in seguito a questo, non mi sento toccato più di tanto. La visibilità con luce artificiale di notte non è mai paragonabile alla luce del sole.