Il Tribunale: le "baciate" sono nulle. Libero dai debiti il cliente finanziato

PER APPROFONDIRE: baciate, popolare, tribunale, venezia, vicenza
Il Tribunale: le "baciate" sono nulle  Libero dai debiti il cliente finanziato
VICENZA - Le operazioni 'baciate' sono nulle per violazione dell'art. 2358 del Codice Civile, e i clienti finanziati per comprare le azioni sono liberati dai debiti. È la decisione del Tribunale di Venezia, Sezione Specializzata in materia di Imprese, presa in un contenzioso promosso da un azionista di Popolare di Vicenza, assistito dall'avvocato Mario Azzarita dello Studio Legale Sat di Padova, sulla nullità delle così dette «operazioni baciate». Si tratta in particolare degli acquisti di azioni di Popolare di Vicenza mediante provvista fornita dalla stessa banca, come spiega, in una nota, lo stesso studio legale.

Dopo circa tre anni di processo ed un'accurata istruttoria la Sezione Specializzata in materia societaria del Tribunale veneziano, (magistrati Lina Tosi, Alessandra Ramon e Lisa Torresan), si è pronunciata ritenendo tali operazioni contrarie al divieto espresso, contenuto nel Codice Civile, art. 2358, di finanziare gli acquisti di azioni di società per azioni. Il Tribunale ha chiarito che tale divieto si estende anche alle società cooperative, quale era Popolare di Vicenza all'epoca dei fatti, ed in particolare alle banche popolari. Nel caso specifico si trattava di un collocamento di azioni proprie della banca, con finanziamento collegato per circa 1,4 milioni di euro. Il collegamento tra finanziamento e acquisto di azioni è stato considerato dimostrato stante la vicinanza temporale tra le due operazioni e vista anche la conferma della strumentalità del finanziamento da parte dei funzionari della banca in sede testimoniale. La conseguenza della nullità è la liberazione dell'azionista dall'obbligo di restituire le somme utilizzate per comprare le azioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 30 Luglio 2019, 14:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Tribunale: le "baciate" sono nulle. Libero dai debiti il cliente finanziato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-08-05 08:47:18
comunque a tutti i clienti "baciati" gli andava bene fin che il titanic non è affondato: rpima tutti a ballare insieme poi a chiedere danni. Prima faceva comodo avere azioni a 65 euro !!! perchè non hanno fatto causa prima? non mi pare che siano stati costretti con la baionetta a enrtare in quelle banche, se lo hanno fatto è perchè avevano un valido motivo. E' altrettano giusto, ora, chiedere i danni per le truffe subite.
2019-07-31 10:35:30
l'imprenditore ed il banchiere ……… mi sembra di vedere il gatto e la volpe magistralmente interpretati da Franchi e Ingrassia nel film Pinocchio ……….. Vi lascio immaginare chi fossero i poveri "pinocchi" creduloni
2019-07-30 15:58:23
Quel giorno non avevo 2€ per comprarmi due banche! Meno male! Ci ha pensato messina
2019-07-31 10:44:11
magari se facevano un'asta trovavano chi gli avrebbe dato 100 € ...
2019-07-30 15:54:56
ma se io chiedo un finanziamento di 10000 euro e compero solo 50000 di azioni credo che i 50000 rimanenti siano da restituire in ogni caso, giusto? ma adesso che la banca non c'è più a chi vanno restituiti? a chi deve restituire zamparini, che era in cima alla lista dei creditori, i suoi oltre 60 milioni che aveva ottenuto in prestito? tanto per fare il nome del primo.