Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

​Rugby femminile, le azzurre in volo per i Mondiali

Mercoledì 21 Settembre 2022
Rugby femminile, le azzurre in volo per i Mondiali

La Nazionale italiana di rugby femminile sale oggi sull'aereo per la Nuova Zelanda in vista del Mondiale che inizierà il prossimo 8 ottobre. L'Italia esordirà il 9 contro gli Usa. «Non vediamo l'ora», racconta Melissa Bettoni, 31 anni, punto di forza della Nazionale. Il girone delle azzurre non è impossibile. Gli Stati Uniti nelle ultime uscite non hanno mostrato un gioco brillante mentre le giapponesi «vanno tenute d'occhio». L'Italia dovrà essere all'altezza delle proprie migliori prestazioni. «Affrontare l'Inghilterra vorrebbe dire esser arrivate lontane sorride Bettoni Il mio sfizio personale sarebbe la Nuova Zelanda». Di sola palla ovale, ahimè, non si campa se sei una donna. Il rugby femminile si sta professionalizzando', soprattutto in Inghilterra e in Francia, «ma anche in Italia la Federazione ha fatto un gran lavoro». Ovviamente qualche stereotipo è duro a morire. Il colpo di fulmine di Melissa per il suo sport avviene a 17 anni. La giovane dopo i primi passi in Coppa Italia se ne va nella Capitale. Lì arriva la svolta della carriera: «Prima il Grenoble, poi lo Stade Rennais». Per Bettoni il torneo neozelandese rappresenterà uno spartiacque: «Dopo il Mondiale, smetto con il rugby: è arrivato il momento di voltare pagina. Voglio chiudere in bellezza».

Ultimo aggiornamento: 11:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci