Green pass nelle Rsa, si rischia la paralisi: troppi dipendenti hanno detto no al vaccino

Venerdì 10 Settembre 2021 di Mauro Evangelisti
Green pass nelle Rsa, si rischia la paralisi: troppi dipendenti hanno detto no al vaccino

I No-vax rischiano di paralizzare l'attività delle residenze per anziani, le strutture in cui, nella prima parte della pandemia, morirono più persone, i più fragili. L'obbligo vaccinale anche per i dipendenti delle ditte esterne, come addetti alle pulizie e mense, ha una logica: già è applicato agli operatori sanitari; non aveva senso, all'interno di una struttura in cui risiedono soggetti vulnerabili, consentire a una parte dei lavoratori di entrare anche se non immunizzati. Ma c'è un problema: carenza di personale. Chi al 10 settembre non si è ancora vaccinato è, sostanzialmente, un No-vax. Ci sono oltre 9 milioni di dosi disponibili in Italia, chi non si è immunizzato, salvo particolari ragioni di salute, lo ha fatto per scelta. Una parte di chi lavora nelle Rsa, di fronte all'idea di essere sospeso, magari si convincerà, ma un'altra fetta più consistente continuerà a rifiutare il vaccino, con conseguenze serie per l'attività assistenziale. Già si è visto con gli operatori sanitari che, nelle residenze per anziani (o per persone non autosufficienti) rifiutano il vaccino. In queste strutture, in gran parte private ma in alcune regioni anche pubbliche, ci sono difficoltà a garantire i servizi, dopo la sospensione di medici o infermieri No-vax. Un caso emblematico è quello della provincia autonoma di Trento. A fine agosto i sindacati hanno denunciato questo quadro allarmante: cinque case di riposo possono garantire i turni, sette non hanno i parametri assistenziali e le altre devono «rimodulare al ribasso l'organizzazione» a causa dell'alto numero di operatori non vaccinati e quindi da sospendere: 74 infermieri, 263 Oss, 39 ausiliari e 5 medici, ovvero il 12 per cento del personale.

 

Green pass statali, stipendio sospeso a chi rifiuta

 

Vaccino nelle Rsa, i dati

Su scala nazionale non ci sono dati dettagliati per medici e infermieri delle Rsa non vaccinati, perché vengono ricompresi nella statistica generale del personale medico (il 5,5 per cento ha rifiutato l'immunizzazione), ma sono numerosi i casi segnalati in tutta Italia: in Toscana 4 operatori di Rsa hanno perso il ricorso davanti al giudice dopo la sospensione; a Belluno stessa sconfitta in tribunale per dieci dipendenti di case di riposo. Ancora: ferie forzate per 10 Oss No-vax in provincia di Pavia, sospesi 17 operatori Rsa a Imperia; a Rimini, nella prima fase della campagna vaccinale, solo il 70 per cento degli operatori delle Rsa accettò l'iniezione; in una casa di riposo di Bagno di Romagna (Forlì-Cesena) su 37 dipendenti, solo 18 si sono vaccinati. E questo è solo lo scenario dei camici bianchi delle Rsa, per i quali l'obbligo esiste da tempo, i dati rischiano di essere molto più allarmanti per i dipendenti delle mense e gli addetti alle pulizie.

 

Scuola, green pass obbligatorio anche per i genitori

 

Eppure, nelle Rsa, nella prima parte della pandemia, ci furono moltissimi focolai e decessi per Covid concentrati soprattutto in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna (una ricerca dell'Istituto superiore di sanità parlò di quasi 10mila morti, ma era un dato che comprendeva solo meno della metà delle Rsa italiane), si arrivò a un tasso di mortalità del 3,1 per cento. La vaccinazione ha ridotto la curva dei contagi e dei decessi, ma oggi si avverte un indebolimento della protezione. Per questo si sta preparando la terza dose.

 

Green pass a scuola, controlli con la app e sanzioni fino a mille euro

 

 

Ultimo aggiornamento: 11 Settembre, 10:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA