Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stiga, nuova sede e 25 milioni per l'innovazione

Mercoledì 27 Giugno 2018
Stiga, nuova sede e 25 milioni per l'innovazione
L'INAUGURAZIONE
CASTELFRANCO «Abbiamo programmato un piano d'investimenti da 25 milioni di euro per implementare innovazioni tecnologiche e sistemi d'automazione nelle nostre sedi italiane, concentrate tra Castelfranco e Resana». A delineare le strategie di sviluppo del Gruppo Stiga, leader in Europa nella produzione e distribuzione di rasaerba e attrezzi per giardinaggio, l'amministratore delegato Georg Metz.
L'OBIETTIVO
Ieri mattina, dopo il taglio del nastro del nuovo quartier generale direzionale in via del Lavoro a Castelfranco, Metz ha annunciato anche l'ambizioso obiettivo consolidato: «Puntiamo a raddoppiare il fatturato entro i prossimi 10 anni, portando il Gruppo a 1 miliardo di euro». I numeri attuali già descrivono una florida realtà produttiva che lo stesso presidente del Veneto, Luca Zaia, nella sua lettera di congratulazioni, ha descritto come «un'importante realtà che ha saputo vincere le sfide investendo sul nostro territorio anche in termini occupazionali e con attenzione all'impatto ambientale».
LE CIFRE
500 milioni di euro di fatturato, oltre 80 anni di storia, più di 1 milione di macchine vendute ogni anno in 70 paesi del mondo ma anche 1750 dipendenti di cui più di 700 nel trevigiano tra Castelfranco (circa 350) e Resana (circa 400) con picchi stagionali che superano le 900 unità. Questi i numeri di Stiga, ex Castelgarden, il cui brand di punta è marchiato appunto Stiga, come la denominazione della holding svedese, a cui si aggiungono quattro brand locali (Mountfield, Atco, Alpina e Castelgarden): «Stiamo investendo in modo particolare nell' area ricerca e sviluppo - ha annunciato Metz - pianificando assunzioni per continuare a migliorare la qualità dei nostri prodotti». Anche gli spazi del nuovo quartier generale, che si sviluppa su tre livelli per una superficie di 2.500 metri quadrati e per cui sono stati investiti oltre 5 milioni di euro, sono stati pensati in un'ottica di crescita occupazionale: nell'area Ricerca e Sviluppo sono previste una decina di assunzioni, una decina in area commerciale e un'altra decina in altri settori.
VENETO CENTRO
A stringere le mani al management di Stiga ieri c'era l'ex presidente di Unindustria Treviso, oggi Assindustria Veneto Centro, Maria Cristina Piovesana, che ha messo in luce Stiga e la sua nuova casa come «un esempio virtuoso». Si può definire un cantiere record quello che si è chiuso giovedì scorso dopo soli 10 mesi di lavoro, in 300 giorni, portando all'apertura della sede a meno di un anno dalla posa della prima pietra, e ben due mesi prima del previsto. Ma è anche stato un cantiere a km zero, in cui hanno lavorato aziende locali, dislocate nel raggio di 30 chilometri, dando vita ad una sede green, perché oltre l'80 per cento del materiale con cui è stato realizzato l'edificio è riciclabile.
Maria Chiara Pellizzari
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci