Super-certificato sugli autobus, ci sono pochi controllori

Venerdì 26 Novembre 2021

La stretta è davvero imminente, perché il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga, ha chiesto al governo di anticipare i divieti per i non vaccinati a lunedì, quando il Friuli Venezia Giulia entrerà in zona gialla. Arriverà quindi in anticipo il super Green pass, il documento che viene rilasciato solo ai vaccinati e ai guariti. E servirà anche per salire a bordo dei treni e degli autobus del trasporto pubblico locale. Il problema dei controlli, quindi, non si presenterà solamente nei bar, nei ristoranti o nelle palestre (solo per fare alcuni esempi), ma diventerà centrale anche a bordo dei mezzi gestiti dall'Atap.
La domanda è immediata: ci sono abbastanza controllori per garantire il rispetto delle norme a bordo degli autobus che ogni giorno impegnano le strade della provincia di Pordenone? La risposta al momento è un secco no. Per salire su un mezzo del trasporto pubblico locale, infatti, non sono previsti varchi o tornelli, come avviene invece per l'ingresso in altri mezzi come i treni a lunga percorrenza o gli aerei. L'unico soggetto deputato ai controlli, infatti, sarà il controllore di bordo, che deve già monitorare l'effettiva presenza dei biglietti tra i passeggeri. Ma il servizio non è costante su tutti i mezzi dell'Atap. Anzi, allo stato attuale ci sono solamente quattro-cinque controllori che a rotazione garantiscono la presenza a bordo degli autobus urbani e interurbani in provincia di Pordenone.
L'applicazione concreta del super Green pass a bordo dei mezzi pubblici, quindi, parte già nettamente in salita.
Saranno possibili solamente controlli a campione da parte del personale interno ad Atap. Difficile invece immaginare ronde da parte delle forze dell'ordine anche a bordo degli autobus.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA