Scattato il recupero del muro demolito dall'olmo: «Il parco resta chiuso»

Giovedì 3 Settembre 2020 di Roberto Cervellin
Al Querini è iniziata la ricostruzione del muro abbattuto dall'olmo

VICENZA - I segni dello schianto sono sotto gli occhi di tutti. Ma ancora per poco. Entro una decina di giorni il muro di cinta del parco Querini, storica area verde a ridosso dell'ospedale San Bortolo di Vicenza, sarà recuperato. Sono scattati infatti i lavori di ricostruzione in seguito alla caduta di un grande olmo, avvenuta lo scorso 21 agosto. Episodio che solo per un caso fortuito non aveva provocato danni a persone o cose. 

«L'albero fa parte di gruppo per il quale avevamo chiesto alla Soprintendenza la rimozione selettiva, ricevendo un diniego», si era affrettato a precisare l'assessore Mattia Ierardi. E ora? Il polmone verde resterà chiuso, almeno finché non sarà messo in sicurezza. «Appena possibile, per consentire la riapertura al pubblico, abbatteremo le piante a fine ciclo vita e pericolanti - aggiunge l'assessore - Nel frattempo pianificheremo il reimpianto in accordo con la Soprintendenza».
 

 

Ultimo aggiornamento: 12:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA