Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus. Il racconto del poliziotto infettato: «Io intubato qui e i miei genitori a 700 km»

Lunedì 23 Marzo 2020 di Luca Pozza
Il carcere di Vicenza dove lavora la guardia carceraria

VICENZA - «Prima di addormentarmi, in terapia intensiva, ho chiamato la mia fidanzata e l'ho tranquillizzata. Poi ho chiesto al medico di aggiornare i miei familiari sulle mie condizioni i giorni successivi. Vivono a 700 km di distanza e io non avrei potuto farlo». Con queste parole Luigi Nasta, 29 anni, agente di Polizia penitenziaria, originario della provincia di Caserta e in servizio nella casa circondariale di Vicenza, il primo operatore penitenziario in Italia colpito dal coronavirus, racconta su Gnwes, il quotidiano del Ministero della Giustizia, uno dei momenti più drammatici della sua malattia.

«Sono lontano dalla famiglia, non mi sono mai sentito solo grazie ai miei colleghi. Mentre ero intubato, pensavo a loro, a quello che stava succedendo fuori e soprattutto mi chiedevo se avessi contagiato qualcuno. È stata la prima domanda che ho fatto al Comandante» ha detto Luigi, che era in perfetta salute quando è stato colpito dal Covid-19. «Si tratta dell'esperienza più dura della mia vita che ho trovato la forza di affrontare pensando a tutto quello per cui dovevo lottare, alle persone che amo, al lavoro che ho scelto, ai colleghi sempre vicini nel sostenermi», aggiunge la guardia carceraria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci