Tre milioni e mezzo per completare la Ciclopista del Brenta

Mercoledì 25 Dicembre 2019 di Roberto Lazzarato
Ciclopista del Brenta e Ferazzoli
2

VALBRENTA. Sotto l’albero di Natale è stata sottoscritta la convenzione tra la Regione Veneto, la provincia di Vicenza e il comune di Valbrenta per il completamento della Ciclopista del Brenta. «Un progetto, per un importo di 3,6 milioni di euro, che rappresenta un passo importante per completare alcuni tratti mancanti e metterne in sicurezza altri - ha dichiarato il sindaco Luca Ferazzoli, - che contribuirà a favorire la valorizzazione del territorio in collegamento con gli amici trentini. Un progetto che parte da lontano e che sta dando positivi risultati in termini di economia e di sviluppo.» Il completamento delle Ciclopista del Brenta aprirebbe nuovi scenari sui possibili flussi turistici, come dimostrano i risultati conseguiti dal Trentino, grazie agli investimenti fatti nel tempo nel campo del cicloturismo e del turismo sostenibile. Il cicloturismo muove in Italia ogni anno oltre 3 miliardi di euro destinati ad aumentare considerevolmente nei prossimi anni, risultando l’Italia tra le mete più ambite dai cicloturisti stranieri in attesa di adeguate infrastrutture.
Il progetto di completamento della Ciclopista prevede il collegamento con il Trentino dallo svincolo di Primolano a località Martincelli bypassando la frana del Pianello che attualmente impedisce il passaggio dei cicloturisti; un collegamento con il Covolo di Butistone in sinistra Brenta, l’antica fortezza conosciuta negli Stati Uniti come ‘Il castello tra le nuvole’, incastonata nella roccia sopraelevata sulla SS. 47 della Valsugana tra Cismon e Primolano; una passerella ciclopedonale sul fiume Oliero che consentirebbe di evitare il passaggio sulla provinciale Campesana; la messa in sicurezza del tratto di ciclopista di località Turri che collega San Nazario a Carpané chiusa da anni in seguito ad una frana; il completamento della ciclopista a Pove del Grappa. Quando sarà completato il tratto tra Primolano, ai confini con il Trentino e Bassano del Grappa, si apriranno inoltre nuovi orizzonti quali il completamento della Ciclopista Pedemontana che unirà il percorso tra il Brenta e il Piave e la possibile evoluzione del collegamento tra Bassano e Marostica con nuovi scenari verso ovest.

Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 11:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA