Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Venezia Calcio, inizia l'era Javorcic. A luglio si parte con il ritiro a Pieve di Cadore

Lunedì 6 Giugno 2022 di Marco De Lazzari
Javorcic, nuovo allenatore del Venezia Calcio

VENEZIA - Si attende solo il crisma dell'ufficialità per inaugurare l'era-Javorcic a Venezia. Il 43enne di Spalato, infatti, è il prescelto del presidente Duncan Niederauer e del suo alter ego Alex Menta in vista della Serie B al via il prossimo 13 agosto. I contatti avviati meno di due settimane fa con un incontro a tre a Bolzano dove ha allenato vincendo il girone A di Serie C col Sudtirol hanno portato al raggiungimento di una rapida intesa tra le parti, sulla base di un contratto triennale, con ingaggio a quanto si dice di 300 mila euro a stagione premi esclusi, in pratica più del doppio di quanto percepiva dal club altoatesino che prima di liberarlo vuole avere in mano il suo nuovo erede. Il Sudtirol sta sfogliando la margherita (Zauli, Diana, Greco, Tabbiani) essendosi trovato nella stessa situazione vissuta due anni fa in laguna, quando Alessio Dionisi pur essendo già sotto contratto per una seconda stagione proprio come Javorcic, chiamato quindi a rescindere salutò tutti scegliendo l'Empoli. Il Venezia ha fretta e i 75 mila euro d'indennizzo al Sudtirol già pronti sul tavolo, quindi è tutt'altro che segreto l'auspicio di poter ufficializzare magari già oggi l'allenatore nativo di Spalato e il suo staff a partire dal vice Alessandro Gamberini (ex Virtus Verona).

PRIORITA'
«Il primo step è trovare rapidamente la guida tecnica aveva dichiarato giusto due settimane fa Niederauer e sarà fondamentale trovarne una che sappia come funziona il calcio italiano». Javorcic al netto di un poker di partite da traghettatore al Brescia 7 anni fa, conosce la Serie B solo da giocatore (carriera interrotta ad appena 30 anni dagli infortuni) mentre come allenatore ha vinto una D con la Pro Patria e la C col Sudtirol. I suoi primi passi arancioneroverdi sono in agenda il 2-3 luglio, quando prenderà possesso del suo nuovo gruppo nel ritiro di San Vito di Cadore, che dovrebbe concludersi il 21 affrontando in amichevole la Lazio per poi puntare l'obiettivo sull'esordio (ancora ufficioso) in Coppa Italia il 7 agosto al Penzo contro l'Ascoli. Di sicuro il Venezia stringendo subito sul nuovo allenatore pare aver dimostrato di considerare secondaria la figura del direttore sportivo, non avendo ancora sostituito Mattia Collauto e Paolo Poggi, gli unici di fatto assieme a Paolo Zanetti (promesso sposo dell'Empoli in Serie A) ad aver pagato la retrocessione. Ciò a differenza dell'uomo ombra Alex Menta, che anzi ha già portato a conclusione tre nuovi innesti a parametro zero quali il centrocampista danese Magnus Andersen ('99 dal Nordsjaelland), il difensore polacco Przemyslaw Wisniewski ('98 dal Gornik Zabrze) e il terzino destro finalmente italiano Francesco Zampano ('93 dal Frosinone).
In attesa di vedere se arriverà o meno un direttore sportivo da non sottovalutare nemmeno il peso dietro le quinte del socio Ivan Cordoba l'unica mossa imminente pare il passaggio di Cristian Molinaro dal campo al ruolo di direttore tecnico o comunque di trait d'union tra squadra e dirigenza. Tutto ciò aspettando di capire il raggio di azione del vicepresidente operativo Andrea Cardinaletti, soprattutto ora che il Penzo non richiederà interventi per la Serie B con tutte le attenzioni rivolte sul centro sportivo Taliercio.

RUMORS
Infondati quelli che vorrebbero l'attaccante Francesco Forte di nuovo a Venezia, in considerazione della mancata promozione in A del Benevento. Ceduto nel gennaio scorso, sullo squalo il club campano aveva un obbligo di riscatto scattato al primo punto conquistato in maglia giallorossa e non legato al piazzamento in classifica. Allo stesso modo Mazzocchi, subito riscattato dalla Salernitana dopo la prima presenza in granata. Il reparto offensivo sembra quello destinato alla rivoluzione, con il francese Henry sul mercato, Aramu con parecchi estimatori e il nigeriano Okereke che difficilmente verrà riscattato, visto che bisognerebbe pagare 8 milioni al Bruges quando il paracadute post-retrocessione ammonta a dieci.

 

Ultimo aggiornamento: 11:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci