Venezia devastata: un morto, incendio a Ca' Pesaro, danni alla Basilica

Venezia devastata: un morto, incendio a Ca' Pesaro,
allagata la Basilica, Fenice inagibile, danni milionari

di Redazione Online

VENEZIA - Dopo l'inferno di vento e acqua di ieri sera il bilancio è pesantissimo. Un uomo è deceduto, danni ingenti ovunque, barche arrivate sulle fondamenta e sulle calli e vaporetti scaraventati contro le rive. Diversi anche gli  incendi che si sono verificati nella notte a causa delle centraline elettriche invase dall'acqua. Un rogo già spento ha interessato il museo Ca' Pesaro con il parziale crollo di un solaio a piano terra.  Il Teatro La Fenice è inagibile, al momento per oggi e domani, annullate le prove del don Carlo: l'acqua non ha intaccato la struttura del teatro, ma ha invaso le aree di servizio rendendo inutilizzabile (è stato disattivato) il sistema elettrico e quello anti incendio. 

Alle 18.30 è arrivato il premier Giuseppe Conte che si fermerà in città anche domani, giovedì 13

Alle 18.40 la marea ha ripreso a salire con un picco  alle 23.35 che si è fermato però ben sotto il metro. 

Alle 20 avevano iniziato a suonare le sirene per l'avvertimento.

LA CRONACA DEL MERCOLEDI' NERO

Venezia si è svegliata ferita nel profondo come forse non è mai successo prima.

Arrivato, come previsto, il nuovo picco di alta marea a Venezia: 160 centimetri alle ore 10.30. Alle 8.30 il livello registrato a Punta della Salute era già di 130 centimetri. Il valore della punta massima dell'acqua alta prevista per le prossime ore è di 120 cm alle 23.35 di questa sera. Lo rende noto il Centro maree del Comune di Venezia che sta rivalutando al ribasso le previsioni delle scorse ore. Il dato resta comunque indicativo - viene detto - in relazione ai possibili repentini mutamenti di vento e condizione del mare Adriatico. Anche nei prossimi giorni la marea si manterrà su valori eccezionali.

 
 


I MORTI
Una persona è morta ieri sera a Pellestrina mentre infuriava la mareggiata che ha devastato Venezia, con una punta di marea di 187 centimetri. Si tratta di Giannino Scarpa Boccolo, 68 anni, rimasto fulminato mentre cercava di far ripartire le elettropompe nella sua casa allagata. C'è stato anche un secondo morto, sempre nell'isola, trovato deceduto anche lui in casa, per cause naturali, ma prima dell'acqua alta, al contrario di quanto era stato comunicato inizialmente.

VEDI ANCHE---> Moraglia in Piazza San Marco e i danni in Basilica

LA BASILICA DI SAN MARCO
Sono gravi i danni provocati dall'acqua alta eccezionale alla Basilica di San Marco, gioiello di Venezia. Dal comando della Polizia municipale si apprende che tutta la cripta è stata sommersa e dentro la basilica, nel momento di picco di marea (187 cm), si misurava dalla pavimentazione quasi un metro e 10 di acqua.

 


LEGGI ANCHE ---> Acqua alta record: 187 centimetri, la seconda di sempre

LEGGI ANCHE ---> Anche Chioggia è finita  sott'acqua

I SOCCORSI
Diverse persone sono state soccorse dalla Guardia Costiera a Venezia durante l'acqua alta. Le numerose telefonate sono iniziate mentre il livello dell'acqua raggiungeva i 187 centimetri e i venti soffiavano fino a 100 km orari. Subito si sono attivati i protocolli straordinari di intervento da parte della Guardia Costiera di Venezia che, si legge in una nota, ha provveduto a dispiegare due motovedette, CP 2095 e CP 833, che hanno trasportato gli infortunati recuperati al Pronto Soccorso, due motoscafi che fornivano rapida assistenza nei punti critici segnalati, due gommoni in dotazione a Nave Dattilo della Guardia Costiera, giunta a Venezia ieri, impiegati per offrire supporto alle operazioni.
ll porto è stato tempestivamente chiuso alle 22:30 e dopo aver verificato le condizioni di sicurezza degli ormeggi portuali e dei principali canali, e preso atto del miglioramento delle condizioni meteo, all'una è stato riaperto. È stato emanato l'avviso di pericolosità, considerata la possibile presenza di ostacoli semisommersi dannosi per la sicurezza della navigazione. Particolarmente complesse le operazioni di coordinamento dei numerosi interventi. È stata richiesta altresì la cooperazione di ormeggiatori e rimorchiatori portuali per la messa in sicurezza di unità e pontoni che avevano rotto gli ormeggi. Il personale della Guardia Costiera ha proseguito per tutta la notte i servizi di assistenza e pattugliamento ai fini di garantire la sicurezza della navigazione e la salvaguardia della vita umana in mare.

LEGGI ANCHE --->«Devastazione apocalittica»


I DANNI
Barche spinte dal vento nelle calli, pontili degli imbarcaderi distrutti, ovunque nella luce del primo mattino i segni di devastazione causati dalla marea eccezionale. Si presenta così Venezia il giorno dopo l'acqua granda  - così fu definita quella record dell'alluvione 1966 - di questo 2019. In Calle delle Razze, vicino piazza San Marco, è ancora incastrato un motoscafo spinto a terra da una tromba d'aria che ieri, verso mezzanotte, si è abbattuta sull'area marciana mentre infuriava la mareggiata. È stato proprio il vortice di vento a 100 km orari a fare una strage di gondole e altre imbarcazioni. Tutte le scuole in città oggi restano chiuse. Sono però regolarmente in funzione i vaporetti dell'Actv, che possono essere fermati per motivi di sicurezza solo quando la marea supera il metro e 50. Anche la sede municipale di Cà Farsetti, affacciata sul Canal Grande, è rimasta isolata a causa della marea. 

POLEMICA MOSE
Sullo sfondo, si sono riaccese le polemiche sul Mose, la complessa opera ingegneristica - costata ad oggi più di 5 miliardi - studiata per scongiurare gli allagamenti durante l'alta marea. Nonostante i lavori per la realizzazione siano cominciati nel 2003, sotto la presidenza Berlusconi, il Mose (MOdulo Sperimentale Elettromeccanico) non è stato ancora ultimato. Nel bilancio 2018 del Consorzio Venezia Nuova, il concessionario per la costruzione, la consegna definitiva è stata fissata al 31 dicembre 2021.

L'INCENDIO
I vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte per spegnere l'incendio all'interno del museo di Cà Pesaro a Venezia, provocato dal malfunzionamento della cabina elettrica. La squadra è ancora sul posto. Nella notte i pompieri hanno già effettuato un centinaio di interventi e altre 120 richieste verranno evase stamane. Finito sott'acqua anche l'Ateneo Veneto. Blackout in vari punti della città.

PRIMO BILANCIO
L'Unità di Crisi della Protezione Civile, attivata ieri sera dal Presidente del Veneto Luca Zaia, nella sala operativa regionale, dove sono al lavoro l'assessore regionale Gianpaolo Bottacin e il direttore della Protezione Regionale, Luca Soppelsa, comunicano un primo aggiornamento sui danni provocati dal maltempo registrati nella nottata. Una sessantina le imbarcazioni danneggiate molto pesantemente, tra le quali alcuni vaporetti.  Al momento, la situazione più critica, oltre a Venezia, si registra a Pellestrina. Molti gli allagamenti per recuperare i quali stanno ancora operando numerose squadre dei vigili del fuoco e volontari della Protezione Civile. Criticità si sono registrate lungo la costa da Venezia, fino al confine con Lignano (Udine)
Numerosi gli interventi nei Comuni di Cavallino Treporti e Jesolo per alberi abbattuti. Per quanto riguarda la situazione elettrica si registrano problemi in numerose aree del litorale fino a Venezia. Gli operatori dell'Enel hanno lavorato tutta la notte. Al momento le situazioni critiche sono localizzate per problemi di bassa tensione. Viene costantemente monitorata la situazione dei fiumi. C'è stata una rottura arginale sul fiume Lemene a Marano di Caorle. Nonostante le piogge non siano state particolarmente intense, Agno, Astico, Bacchiglione, Brenta e Monticano hanno superato la prima soglia ma, attualmente, grazie alle previsioni in miglioramento, sono in recupero. Il vento ha provocato parecchi problemi nel trevigiano, in particolare nelle zone di Treviso, Conegliano e nell'area del Montello si sono registrati numerosi interventi dei vigili del fuoco e volontari della Protezione Civile per alberi abbattuti. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Novembre 2019, 08:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Venezia devastata: un morto, incendio a Ca' Pesaro, danni alla Basilica
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 116 commenti presenti
2019-11-14 08:51:01
Mi dispiace ma la marea è stata superiore a quella del 1966.Lo sanno benissimo ma non lo vogliono dire.
2019-11-14 08:01:51
c'è chi vive sul bordo del vesuvio ben sapendo che prima o poi si risveglierà, chi sta alle pendici del'etna ben sapendo che il vulcano è in continua attività, e c'è chi si sotina a vivere in quella città gallegiante che ogni tanto quando lo decide la natura va sott'acqua: è inutile gridare al vento, la antura non va contrariata ...!!!
2019-11-14 07:48:48
franco 505....se gli amici che governano da oltre 20 anni il veneto, ( non faccio nomi) , non avessero mangiato milioni su milioni...qualche lavoro in più sarebbe stato fatto !!!!!
2019-11-14 07:40:46
ll MOse e' il risultato di un compromesso che vuol salvare:turismo, monumenti, flusso naturale della laguna, portualita' di crescente tonnellaggio, industria vecchia e nuova, commercio.A voler troppo si stringe poco...chissa'se a quando funzionera'.Ieri Qualcuno ha detto che paradossalmente le dighe Mose abbassate ed i lavori accessori di scavo profondo e cementificazione supporti sommersi han velocizzato la risalita delle correnti. Dighe e aperture richiudibili come in Olanda...hanno i loro pro e loro contro.Se adottate a Venezia accontenterebbero un settore e susciterebbero continue polemiche di altri ..come per il transito Grandi navi..Intanto aumentare le paratoie dei privati che son state superate di buon mezzometro e rinforzare le vetrate che si sono sfondate per la pressione dell'acqua. Se le procurano anche in montagna dopo esperienza di rii gonfiati da bombe d'acqua che sono entrati in cantine e magazzini e garage sotterranei con porte leggere e con fessure . Comunque i provvedimenti Governativi che promettono risanamento e risarcimento danni pagano elettoralmente di piu' dei provvedimenti preventivi..che poi attirano critiche .Se non si presentano le situazioni tragiche ..i cittadini li vedono inerti e cominciano a brontolare che si son buttati i loro soldi in opere inutili. Esempio?La galleria scolmatore che collega l'Adige da Rovereto col lago di Garda, alfine diproteggere Verona da esondazioni..Pero' poche volte ma buone e'stata usata.Nel resto dei periodi di mancata apertura brontolamenti su brontolamenti..( soldi buttati, lago di Loppio prosciugato, seccate le sorgenti..opera del fascismo..che ci frega se Verona Veneta va sotto acqua , soldi di manutenzione, chi ci guadagna. .. ecc)
2019-11-14 07:30:55
6 Mila milioni di cui la meta' se li sono smazzettati sporlitici e disamministratori e ora parte di questi squallidi individui(solo guardandoli viene la vomitare)da ieri sono in tv a sbandierare la loro preoccupazione per Venezia e che si deve far presto con QUEI 78 bidoni ruzeni che compongono il MOSE!!!!che siate stramaledetti.....PS:un salutone speciale a galan!!!