Sabato 11 Agosto 2018, 20:32

Raffica di chiusure, fuga delle banche dai piccoli centri urbani

PER APPROFONDIRE: banche, bancomat, crisi
Raffica di chiusure, fuga delle banche dai piccoli centri urbani

di Melody Fusaro

MESTRE - Frazioni e periferie, si apre ufficialmente la caccia allo sportello o almeno a un bancomat. Dalla Riviera, al Miranese e Portogruarese, fino alle isole di Venezia, sono tante le filiali delle banche che chiudono, lasciando scoperti territori anche popolosi. L’ultima ondata di chiusure della Banca Popolare di Milano ha dato il colpo di grazia. Il “piano di razionalizzazione” ha previsto, da inizio estate, la chiusura di 17 filiali, che nel veneziano ha coinvolto anche Catene, Cipressina, Sant’Erasmo, Murano e un paio di sportelli nel centro storico di Venezia.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Raffica di chiusure, fuga delle banche dai piccoli centri urbani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-08-13 13:49:54
certo è che negli ultimi anni hanno aumentato il numero dei serivizi che pui fare al bancomat... peccato che nel frattempo siano diminuiti gli sportelli bancomat. Se non c'è l'ATM, come fai a fare le operazioni al bancomat? in alcuni paesetti il probelma è grande!!!
2018-08-13 15:40:24
ormai si usa sempre meno il bancomat: serve solo per quel (poco) contante da tenere in tasca. Per tutto il resto ci sono i pos e il pc
2018-08-13 09:36:49
E' giusto che ci siano meno sportelli. Ma infinitamente meno sportelli, affinchè il conto dei fallimenti non ricada sui correntisti. Molti si dimenticano che le banche sono aziende e che devono produrre utili. Chi ha dato una interpretazione diversa se n'è purtroppo accorto. Nelle filiali di piccoli paesi c'è generalmente la figura del direttore, dell'addetto allo sportello, del consulente finanzirio + un' altra figura. Qualcuno mi spieghi, oltre a dover pagare costi fissi affitti compresi, il solo costo del personale come può venir "coperto" dagli introiti in assenza di mutui, investimenti, oneri addebitati in cc al lumicino, tassi prossimi allo zero o addirittura negativi. Mah, boh ? Ah dimenticavo le sofferenze, ahi, ahi, ahjjj.
2018-08-12 21:50:43
il mio paese di più di 1000 abitanti ha un solo bar ed un panificio che apre tre ore al mattino ma presto chiuderà pure quello. però un bancomat presso un locale pubblico lo potrebbero lasciare.
2018-08-13 15:44:22
prova a informarti quanto costa uno sportello atm: l'acquisto o il noleggio, l'eventuale affitto del posto dove è posizionato, il personale con scorta che lo rifornisce, la manutenzione, assicurazione ecc. Realisticamente, se anche il panificio se ne va, perché dovrebbe restare la banca ?