Carabiniere di 29 anni si toglie la vita sparandosi in caserma

Sabato 18 Settembre 2021 di Diego Degan
La caserma dei carabinieri a Sottomarina

CHIOGGIA - Un colpo alla testa nel cortile della caserma, con la pistola d'ordinanza. Così ha deciso di farla finita un carabiniere, di appena 29 anni, da poco in servizio nel nucleo radiomobile della compagnia di Chioggia. Il drammatico episodio è avvenuto ieri mattina alle sei. Il giovane, che doveva entrare in servizio di lì a poco, è uscito dalla caserma, dove alloggiava e, nel cortile, ha compiuto il tragico gesto. Nessuno lo ha visto spararsi ma il rumore del colpo esploso è stato sentito distintamente dai colleghi e riconosciuto per quello che effettivamente era. In pochi minuti i militari hanno rintracciato l'origine dello sparo e trovato il collega riverso a terra, in un insieme di circostanze che rivelavano chiaramente cosa era accaduto. Quando si sono accorti che era ancora vivo è iniziata una corsa contro il tempo, per tentare di salvarlo. Ma il 29enne è deceduto poco dopo l'arrivo al pronto soccorso.

Militare suicida in caserma: perché?

Sconosciute le ragioni del suo gesto: addosso e nell'alloggio non ha lasciato biglietti ma potrebbe aver scritto un messaggio o una mail a qualcuno. Accertamenti che verranno fatti nei prossimi giorni. Al momento sembra di poter escludere ragioni legate al lavoro: di origine calabrese, era arrivato a Chioggia, infatti, a metà luglio, dalla compagnia di Tortona, pare per avvicinarsi al fratello, militare in servizio a Venezia. In un così breve lasso di tempo (ferie comprese) sembra difficile che possa aver incontrato a Chioggia ragioni così gravi da compiere quel gesto.


Sos Suicidi. Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.678

 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 11:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA