Baby bulli, rissa in campo: il branco di trenta minori contro tre ragazzi

PER APPROFONDIRE: bulli, rissa, venezia
Baby bulli, rissa in campo: il branco   ​di trenta minori contro tre ragazzi

di Giorgia Pradolin

VENEZIA - Una resa dei conti tra ragazzini che cercavano la rissa. Questa è l'impressione che hanno avuto i testimoni sabato pomeriggio in campo Santa Maria Nova. Da una parte c'era un branco di quasi una trentina di minorenni tra i 14 e i 17 anni e dall'altra tre sedicenni che sono fuggiti, rifugiandosi in un bar. A farne le spese però, sono stati altri due minorenni, che forse non c'entravano ma che hanno fatto da parafulmini alla rabbia del gruppo, finendo all'ospedale con lesioni ed escoriazioni. Le famiglie delle due vittime hanno presentato querela di parte contro un giovane, e c'è chi accende i riflettori sul caso dei baby bulli veneziani.

Sono circa le 15.30 del pomeriggio quando in campo Santa Maria Nova, all'angolo tra il ponte e la riva, si ritrova un gruppo di ragazzini. Secondo due testimoni, che preferiscono rimanere anonimi, si tratta di una trentina di minorenni tra i 14 e i 17 anni. Dall'accento sembrano veneziani, a parte due che potrebbero essere di origine straniera. Aspettano qualcuno: tre coetanei con cui si erano dati appuntamento per chiarirsi, ma le intenzioni, in realtà, erano ben altre...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 8 Marzo 2018, 09:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Baby bulli, rissa in campo: il branco di trenta minori contro tre ragazzi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-03-09 10:36:42
Komunistj alle prime armi!... battono il territorio, okkupano, aggrediscono! ...intanto Gigi e' assente... troppo okkupato pure lui a seguire i suoi affari personali all'estero!!!...
2018-03-08 18:41:10
Komonisti, allevati alla violenza da genitori sessantottini radical chic che hanno insegnato loro i primi rudimenti della lettura con il libretto rosso di Mao e la raccolta di Lotta Continua, cresciuti a salsicce alle Feste dellUnità e poi sguinzagliati a fare teppaglia per le vie della città, a far venire l’acqua alta che, si sa, in quanto nociva è comunista. Sono loro che perfidamente si travestono da turisti e intasano le vie cittadine per rendere la vita amara ai probi veneziani anticomunisti. Pare che centrino anche con il moto ondoso e la puzza che viene su dai canali. Komonisti!
2018-03-08 16:22:44
semo messi ben. i delinquenti si vedono già a 14 e 17 anni.genitori deve na svegliata se no li volete perdere. un amico. ringo alberoni
2018-03-08 15:05:34
Primo definire BABY ragazzi tra i 14 e i 17 anni ha del ridicolo. Poi, lotte tra bande di giovani ci sono sempre state. Ad esempio, volta per un castean era un'avventura passare per la Baia e se le prendevi dopo si tornava in gruppo e ci si vendicava. Siamo tutti ancora qua. Però questo genere d di cose non finivano sui giornali mentre oggi sono notizie da prima pagina...mah.
2018-03-10 08:56:25
Roma.No,concordo,e siamo ancora qua testimoni di quei tempi,i cui eravamo felici e liberi dai social e dai smart.