Pazzia e morte: il balletto "Giselle" chiude l'anno del Teatro Verdi

Giovedì 21 Dicembre 2017 di E.B.
Pazzia e morte: il balletto "Giselle" chiude l'anno del Teatro Verdi

TRIESTE -  A fine dicembre, nel cuore delle festività, il Teatro Lirico Giuseppe Verdi  rinnova l’appuntamento con la danza con un grande classico del balletto ottocentesco: Giselle sarà in scena da mercoledì 27 dicembre a domenica 31 dicembre nell'elegante produzione  del Teatro Nazionale Sloveno di Maribor.  Giselle, massimo esempio di classicismo e romanticismo, considerato un capolavoro tra i più amati e rappresentati nella storia della danza, è un balletto in due atti di Jules-Henry Vernoy de Saint-Georges da Théophile Gautier - che iniziò a scrivere il libretto nel 1841 - musicato da Adolphe Adam. Ispirata alla leggenda slava, racconta la storia dell`amore di Giselle per il duca di Slesia Albrecht, un amore che si rivelerà impossibile quando Hilarion, il guardiacaccia da sempre innamorato di Giselle, svelerà alla giovane contadinella la vera identità dell`amato. Giselle non sopporta il dolore ed impazzisce. La produzione presentata a Trieste è del Balletto del Teatro Nazionale Sloveno di Maribor con l'Orchestra del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste e la direzione del Maestro Simon Robinson. Coreografia di Rafael Avnikjan da Jean Coralli, Jules Perrot e Marius Petipa. Scene di Juan Guillermo Nova. Nel ruolo di Giselle si alterneranno sul palcoscenico Yui Sugawara e Catarina de Meneses mentre il duca Albrecht sarà impersonato da  Constantine Allen,
Anton Bogov e Ionut Dinita. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA