Censurata la preghiera degli alpini
Festa con polemiche e irritazione

Lunedì 17 Agosto 2015 di Fulvio Fioretti
Il tempietto degli Alpini e il presidente Angelo Biz
111

CISON DI VALMARINO - Vietata la preghiera dell'alpino, al termine della cerimonia religiosa che da decenni si ripete sul passo San Boldo in occasione della Festa dell'Assunta organizzata dal Gruppo di Tovena.

È stata purtroppo una festa rovinata, un ulteriore episodio increscioso nel rapporto tra gli alpini della sezione di Vittorio Veneto e alcuni sacerdoti della Diocesi che probabilmente seguono troppo alla lettera le disposizioni del vescovo sui contenuti dei brani alpini cantati o letti in chiesa.

Così sabato, al termine della messa celebrata da un giovane sacerdote dell’Abbazia di Follina nella chiesetta alpina sul San Boldo, per inciso costruita interamente dal gruppo alpini di Tovena, la comunità e gli alpini presenti hanno guardato interdetti il presidente e il capogruppo: nessuno ha letto la Preghiera dell'Alpino che precede la benedizione.

È successo che prima della cerimonia il prete ha preteso categoricamente la lettura di una preghiera dell'alpino in versione riveduta e corretta. Gli alpini, guidati dal presidente Angelo Biz hanno rifiutato, non senza indignarsi.

Il capogruppo, terminata la messa, ha quindi chiesto ai presenti di dedicarsi ancora al raccoglimento, fuori dalla chiesa, per la lettura della Preghiera originale, alla presenza del Vessillo sezionale, dei gagliardetti, e delle autorità. Poi al "riposo" è scattata la protesta: «Senza spirito di polemica -prova a spiegare Angelo Biz- ci si chiede perché nella nostra Diocesi il rapporto con gli alpini sia spesso diventato così problematico per questo motivo».

Anche Matteo Salvini interviene sull'argomento sulla sua pagina Facebook: «Vietata la Preghiera dell’Alpino a Messa!. Pazzesco. La Diocesi di Vittorio Veneto ha proibito la lettura di questo brano alla fine della Messa al Passo San Boldo, tra Treviso e Belluno. “Rendi forti le nostre armi contro chiunque minacci la nostra patria, la nostra bandiera, la nostra millenaria civiltà cristiana”. Le Penne Nere, giustamente, hanno protestato. Sono sempre più sconcertato da “certi Vescovi”. W gli alpini».

Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 12:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci