Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Le foto senza veli sul web e il suicidio, condanne azzerate: «Ferita che si riapre»

Martedì 31 Maggio 2022 di Giuliano Pavan
Le foto intime della donna vennero pubblicate sui social network
1

CASTELFRANCO VENETO - «È una ferita che si riapre, per di più dopo così tanti anni in cui aspettavamo fosse fatta giustizia». È il commento, amaro, dei familiari della 40enne di Castelfranco Veneto (il marito e i due figli, che si erano costituiti parte civile con l’avvocato Pietro Guidotto) che nel 2014 si tolse la vita per la vergogna dopo aver visto pubblicate su Facebook una sua foto in intimo e le chat che si era scambiata con l’uomo che, secondo l’accusa l’aveva raggirata. 

In primo grado lui, Gennaro Di Bonito, 27enne napoletano, e la sua compagna, Enza Iovinelli, sua coetanea, erano stati condannati a tre anni e quattro mesi ciascuno (con tanto di 20mila euro di provvisionale) per tentata estorsione, truffa, diffamazione e sostituzione di persona. La Corte d’Appello di Venezia ha ribaltato quella sentenza, scatenando la delusione dei familiari della vittima. Enza Iovinelli è stata assolta con formula piena perché il fatto non sussiste mentre la pena per Gennaro Di Bonito, a cui sono state riconosciute le attenuanti generiche, è stata ridotta a un anno e quattro mesi con la sospensione condizionale. «Auspicavamo che si arrivasse a un esito diverso - afferma l’avvocato Guidotto - Visto il risultato non avvieremo nemmeno una causa civile per ottenere un risarcimento». Opposta la posizione dell’avvocato Luca Capriello, difensore della Iovinelli: «Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto che riabilita definitamente il buon nome della signora Iovinelli e gratifica l’enorme lavoro processuale compiuto che si è sviluppato attraverso un rigoroso atto d’appello e un’arringa risultata, sentenza alla mano, convincente».

«È stata spinta ad ammazzarsi da persone senza scrupoli« aveva detto il marito della donna, vittima secondo l’accusa di un ricatto a luci rosse sul web. La storia ebbe inizio nell’autunno del 2014 quando la 40enne e un amico avevano deciso di acquistare alcuni cellulari messi in vendita attraverso un profilo Facebook che corrispondeva ad un tale Fabio Schiavone. La merce ordinata non era in realtà mai arrivata e così l’amico aveva bloccato il pagamento attraverso paypal. Per ottenere lo sblocco dei soldi, chi stava dietro a quello che poi si rivelò un falso profilo, costruito con le foto di un modello spagnolo, inviò un pacco ma dentro non c’erano smartphone ma vecchie piastre per capelli. Nel frattempo però la 40enne aveva iniziato a chattare con quello che riteneva fosse Schiavone. In realtà scambiava messaggi con Di Bonito, con cui entrò in una sorta di intimità, fatta di confidenze e l’invio di qualche foto. A quel punto scattò la trappola. «Dammi i duemila euro dei telefoni o mando i messaggi e le foto a tuo marito», le scrisse l’uomo, che era riuscito a entrare in contatto con il coniuge e anche con qualche amica. Foto che poi vennero pubblicate sui social, assieme ai messaggi. La 40enne, a quel punto, non resse alla vergogna e decise di farla finita. 

Ultimo aggiornamento: 1 Giugno, 09:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci