Daniele, lascia il posto fisso per inseguire un sogno: «Ora è realtà»

Giovedì 29 Aprile 2021 di Mattia Zanardo
Daniele, lascia il posto fisso per inseguire un sogno: «Ora è realtà»

TREVISO - Lasciare un posto di lavoro sicuro e una carriera avviata per inseguire i propri sogni professionali non è da tutti. Farlo nell'anno del Covid, con quello che comporta, richiede una dose ancora maggiore di coraggio. Daniele Fratin si è buttato e non si è affatto pentito della scelta: 37 anni, residente a Paese, dopo il diploma di perito meccanico, con il desiderio di rendersi indipendente e non pesare sulla famiglia d'origine, inizia a lavorare nell'ufficio tecnico di una  azienda - 170 dipendenti - della Castellana. «Mi sono sempre trovato bene con tutti - racconta - ma dopo qualche anno la routine dell'ufficio ha iniziato a starmi un po' stretta e, soprattutto, mi rimaneva il cruccio di non aver proseguito gli studi». Si iscrive così all'università prima a Ca' Foscari, poi a Reggio Emilia, e da studente lavoratore si laurea in Marketing. Sfruttando un cambio generazionale al vertice della ditta di cui è dipendente, si propone per seguire questa attività in azienda.


LA SCALATA
Alla ricerca di competenze più operative, inizia a frequentare i corsi di Veneto Formazione, ente trevigiano specializzato in percorsi formativi, in particolare nel campo del digitale e delle nuove forme di comunicazione. Prima un corso di grafic design, poi uno di digital marketing. «Quest'ultimo mi è piaciuto più di tutti e ho cominciato ad appassionarmi al web marketing e al seo (le attività per migliorare la comunicazione on line di un'impresa, ndr)». Come si sarà intuito, il nostro è uno che si pone nuovi sempre nuovi traguardi. Il successivo è di ritagliarsi una maggiore autonomia: dal primo sito per lanciare i longboard (tavole a rotelle di maggiori dimensioni rispetto ai classici skateboard) prodotti da un amico falegname, all'apertura della partita Iva per curare alcuni progetti di digital marketing in proprio, sempre nel tempo libero. Ed eccoci all'ultimo salto: «L'anno scorso una vicenda familiare ha fatto scattare qualcosa in me e mi sono deciso a una svolta. Una spinta decisiva, oltre a ottimi consigli, me l'ha data anche Luca Burei, uno dei titolari di Veneto Formazione, a cui mi lega un rapporto di amicizia». Lasciato il vecchio impiego, Daniele oggi è entrato in Azzurro Digitale, giovane ma già affermata società padovana specializzata nella trasformazione digitale delle industrie.


LA SVOLTA
«Mi è stata affidata tutta la parte strategica di marketing e comunicazione, coordino un team di quattro persone, ma soprattutto ho la possibilità di confrontarmi con grandi gruppi, nostri clienti, del calibro di Nestlé, Danone, Zoppas, De' Longhi, Ferrari. A livello professionale, mi sento rinato, sono molto responsabilizzato e questo mi gratifica molto». Non solo, nel frattempo è passato dai banchi alla cattedra, diventando docente nei corsi di digital marketing di Veneto Formazione: «La prima lezione è stata sfiancante anche a livello fisico, ora invece anche qui sto avendo grandi soddisfazioni». La morale della storia? «Ho capito che sicurezze nella vita non ce ne sono, anche quando si pensa di averle. Oggi io mi sento appagato: inseguendo le proprie passioni, mettendosi in gioco, costruendosi nuove competenze, poi le opportunità arrivano».

Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 09:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA