Benetton, un fondo pensione per i giocatori di rugby

Venerdì 25 Settembre 2020 di Ennio Grosso

TREVISO - Professionisti di fatto ma dilettanti per la legislazione e nel rapporto di lavoro sportivo. Così il Benetton, prima franchigia italiana a battersi con le big d’Europa apre una nuova strada guardando concretamente al futuro dei propri tesserati offrendo una polizza a fondo pensionistico a tutela integrale della previdenza complementare dei giocatori che altrimenti non avrebbero nessuna posizione assistenziale. Così il blasonato club della Ghirada e Reale Mutua tramite l’agenzia di Padova Fiera, confermando e consolidando il rapporto di collaborazione, hanno messo in campo la polizza a fondo pensionistico “Teseo” per i Leoni biancoverdi. «Per noi è motivo d’orgoglio essere il primo club in Italia nel nostro settore a muoversi in questa direzione – dice Amerino Zatta, presidente Benetton Rugby –. Siamo lieti di aver intrapreso questa strada con Reale Mutua con la quale collaboriamo da parecchi anni. L’attenzione all’atleta vuole essere totale, sia dentro sia fuori dal campo di gara, rappresenta per noi uno dei principali asset societari e con questo progetto rafforziamo quello che è il nostro impegno in tal senso. I nostri atleti sono dei professionisti e per questo risultava prioritario e significativo intervenire su questo aspetto»
«PENSARE AL FUTURO» Il post carriera è sempre una incognita per ogni atleta, figuriamoci l’aspetto pensionistico: «Sin da giocatore ho sempre pensato che sarebbe servito aiutare gli atleti, soprattutto i più giovani, affiancandoli lungo il percorso sportivo ma pensando anche al loro futuro, valutando una previdenza complementare – l’opinione di Antonio Pavanello, ds Benetton Rugby –. Per sopperire alla mancanza di tutele dal punto di vista pensionistico, da tempo abbiamo cominciato a lavorare su questo progetto insieme al nostro partner Reale Mutua. Tutti noi, sia come società sia come giocatori, abbiamo capito che è necessario pensare al futuro nonostante per molti possa sembrare una preoccupazione non immediata. Da questa stagione saremo noi, come Benetton Rugby, i protagonisti nell’apertura di fondi pensionistici a tutti i giocatori, i quali potranno poi proseguire personalmente». «La nostra sponsorizzazione al Benetton – sostiene Michele Quaglia, direttore commerciale e brand di Reale Group – fa parte di un progetto di attenzione e sostegno che dedichiamo al mondo dello sport e con il quale condividiamo molti ideali. Siamo orgogliosi di aver concluso un accordo così esclusivo e speciale pensando soprattutto alle persone che, da sempre, sono il fulcro delle nostre attenzioni e dedizioni». L’ex rugbista Gianluca Bagherini, titolare dell’agenzia Reale Mutua Padova Fiera ha dirottato nell’attività professionale l’esperienza maturata in campo sportivo: «Collaboro da anni con molte società sportive, in particolare nel rugby e proprio per il rugby ho redatto una polizza infortuni diventata punto di riferimento per la tutela di molti atleti, a livello nazionale e internazionale, che è stata il riferimento per la collaborazione tra Reale Mutua e la Federazione per molti anni. Ho voluto approfondire molti argomenti per la tutela del giocatore, da qui la nascita dell’accordo col Benetton, con l’obiettivo comune di fare qualcosa per i giocatori che finora non avevano alcuna forma di tutela pensionistica»

Ultimo aggiornamento: 09:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA